This site is supported by the advertisements on it, please disable your AdBlocker so we can continue to provide you with the quality content you expect.

Welcome to Our Community

Wanting to join the rest of our members? Feel free to sign up today.

Pleasure & Pain first reviews

Discussion in 'code666' started by Michele/Xyphias, Apr 30, 2004.

  1. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.shadowshire.de/VKP/modul...istarticles&secid=3&sop=viewarticle&artid=349

    9/10

    Italien begeistert mich immer wieder. Nicht mit Pizza, Pasta oder Eierkneifmetal - im Gegenteil: Trotz der Tatsache, dass es schwierig ist, in südlichen Gefilden wie diesen Fuß zu fassen mit dunkler Musik, entspringen einem Land, das für sein Temperament bekannt ist, viele dunkle und melancholische Klänge, die es nur zu entdecken gilt. PLEASURE AND PAIN ist solch eine Formation, die mein Ohr becirct und wohl zu gefallen weiss.

    Und die Wurzeln der Band gehen zurück bis ins Jahr 1997. Nach einigen Konzerten in Underground-Clubs, einigen Demos und Samplerbeiträgen und jahrelanger harter Arbeit nahm das italienische Label Dreamcell 11, bekannt für sentimentale und melancholische Musik (zB Dismal), das Quartett unter seine Fittiche. Nun soll es bald soweit sein, dass die erste Full-Length-Scheibe der Italiener veröffentlicht wird, und man kann so einiges erwarten. Pleasure And Pain verknüpfen auf 'Exit Gate' gekonnt Strukturen und Elemente aus verschiedenen Genres zu einem Klangerlebnis, das es in der Form schon lang nicht mehr gab. Depeche Mode-artige Synthies treffen auf dunklen, hypnotisierenden Gesang, flüchten ab und zu in Gefilde, die man zweifelsohne in den Achtzigern und in Schubladen von The Cure oder Ultravox einordnen kann, dicht verflochten mit dunkler Elektronik, die man auch aus dieser Dekade kennt. 'Naked Blood' beginnt mit dumpfen Synthieklängen, wird im weiteren Verlauf aber immer tanzbarer und fesselt den Hörer mit dieser tiefen und dunklen Stimme. Der Sound hat aber auch dunkle, wave-artige Anleihen, wie sie etwa Clan Of Xymox aufweisen, zieht aber stets eine düstere Grundstimmung mit sich. Auch 'She Walks In Beauty' ist von tanzbaren Rhythmen durchzogen, ohne aber diesen gewissen Hauch von schwarz zu verlieren.

    Die Band schafft es, mit Tracks wie 'Shining Spirits' eine einzigartige Atmosphäre zu kreieren, die trotz der bedrückenden Schwere der fast traurigen Synthies eine Leichtigkeit aufweist, die unmittelbar zu einem Zucken im Tanzbein führt. Songs wie dieser werden sicherlich noch das ein oder andere Mal diverse Tanzflächen füllen. 'Never Come Back' zuckelt anfangs etwas flotter aus den Boxen, hat aber auch langsamere, fast nachdenklichere Parts inne und diese Stimme macht so süchtig, dass eine Gänsehaut beginnt, den Körper entlang zu kriechen und es hört einfach nicht auf... Pleasure And Pain vermitteln ein wunderbares Gefühl von Traurigkeit und Melancholie, gepaart mit typischen 80er-Synthie- und -Elektronik-Klängen. Während Titel wie 'Lost' und 'The Light' sehr elektronisch und schnell daherkommen, wirken Songs wie 'Echoes' und ''Tears' wie eine zarte, fragile Melodie in adagio, eine traurige Symphonie, deren Klänge sich unweigerlich ausbreiten und noch mehr Gänsehaut zaubern. 'Exit Gate' weist also eine große Vielfalt an Einzelkompositionen auf, ohne jedoch den unverkennbare Linie zu verlieren, die sich durch jedes Stück zieht und den Hörer gefangen nimmt. Ein unglaubliches Werk.

    Was soll man da noch große Reden schwingen? Fans von 80er-Sounds wie zum Beispiel Depeche Mode, The Cure oder aber auch Bauhaus und elektronisch angehauchtem Wave à la Clan Of Xymox sollten Pleasure And Pain unbedingt eine Chance geben! Die Jungs haben es mehr als verdient, auch über die Grenzen des Stiefellandes hinaus bekannt zu werden!
     
  2. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://community-2.webtv.net/wretchedproductions/ProgressiviewsMay/page4.html

    Pleasure & Pain (Italy)- "Exit Gate" (2004 Dreamcell11 Entertainment/Aural Music)
    The new sister label of Aural Music is this Dreamcell11 with more Darkwave/Electronica and Gothic bands center of attention and P&P is some good ambient and etherial material to get your ears affixed to. I'm not familiar with alot of these bands since the zine days when I covered a few of them and it's like starting over actually.

    Pleasure & Pain has been in an incubation period since 1997 and since then they have only released two demos before landing this debut 10-track CD on Dreamcell11. They play a Darkwave/Techno/Trance style reminiscent of 80's stuff like The Cure fused with U2, Lords Of The New Church and stuff like Chemical Brothers and Utah Saints would use in the background surrounding the deep vocals of Paolo Cataldi (somewhat Reflex meets Secret Discovery). Despite the music can be soothing and relaxing, it also can get eerie to somber to haunting in an instant. Just a riddling effect on the listener as there's no telling what this band will do next musically.
     
  3. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    www.silentscreamzine.com

    DreamCell11, etichetta di confine collegata ad Aural Music, è una nuova realtà molto interessante che si muove nel panorama Dark-Wave ed Elettronico. L?ultimo colpo messo a segno dai ragazzi si chiama Pleasure And Pain, una band italiana dedita ad una riuscita rivisitazione del Dark elettronico anni ?80, che essi riescono a rendere proprio e a personalizzare grazie ad un approccio moderno e ad un mix fra la decadenza delle atmosfere darkeggianti e lo spirito più ?movimentato? della miglior EBM. ?Exit Gate? segna l?esordio per il gruppo, che comunque era già noto a livello underground grazie ai due precedenti promo-cd rilasciati negli anni passati. La musica proposta dai Pleasure And Pain, si è detto, punta moltissimo sulle atmosfere: le influenze principali ed innegabili sono gli eterni Sisters Of Mercy e Fields Of The Nephilim, ma fortunatamente i nostri non si fermano qui, ed anzi, grazie all?apporto dell?elettronica e ad una notevole capacità di sintesi e di rielaborazione, compongono una manciata di brani minimali e molto intensi, nei quali la musica si pone quale veicolo per speculazioni sull?animo umano e come tramite per raggiungere livelli diversi di conoscenza. In effetti ci troviamo di fronte ad un album estremamente intimista, costruito essenzialmente sull?uso delle tastiere, che creano momenti molto nostalgici e criptici, supportati da una voce calda e sempre impostata sui toni bassi, in perfetto stile Andrew Eldritch, ma nel quale spesso l?introduzione delle chitarre e di una ritmica più agile portano ventate di un Dark Rock sempre molto cupo ma se non altro meno disperante. ?Exit Gate? è un album intenso e carico di emozioni, che va ascoltato con attenzione, preferibilmente al buio e senza distrazioni. Non segna una rivoluzione in campo Electro Dark, ma certo una gradita conferma del fatto che certe sonorità sono veramente dure a morire, fortunatamente.

    Giorgio Fogliata
     
  4. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    www.rockmetalbands.com

    MARK: 77/100
    Though I've not grown up with electro music, there're some bands I appreciate, while some others are just in the middle position of those which do their job well yet ain't my cup of tea. Pleasure and Pain seem to belong to the first group, but sometimes I feel them not dark enough and too danceable for my taste.

    The opener "Naked Blood", already appeared on the Roman band's second CD, starts disquietingly, and then becomes an electro dark song with a few guitar lines and a guitar solo onto programmed bases.
    A typical example of dark-wave with EBM beats and spacial keyboards sounds is "She Walks in Beauty"; hypnotic vocals on the programming, guitar solo and an old-fashioned arranging make this song a classic of Pleasure and Pain for the years to come.
    The next track is definitely not for straightedge metal heads; as a matter of fact "Shining Spirits" deals with pop-dark sonorities, very 80's and anchored to sophisticated keyboards layers, made to create atmospheres I haven't been able to live again after the end of the eighties. The bass is strongly present here and contributes to bring us into a magical world. If you like 80's pop bands, you'll go bananas by listening to this easy song.
    "Never Come Back" begins with piano lines and soft keyboards effects, then a moment of silence anticipates guitars and a programming with very realistic (read human if you prefer) sounds. An excellent song with good vocals, absolutely rock based, a pulsating bass, and a light riff (shame!). Among Mars Volta, Manic Street Preachers and the gotha of Dark
    Strong and danceable power beats, guitar touches of the brush and vocals borrowed from Scream Silence open "Lost"; later Paolo Cataldi's vocals becoming airier and the keys more liquid. Not a rock composition, just a pleasant dance one, growing more lively in the end.
    Things change with "Echoes": an apocalyptical piano, noises, an instrumental and disturbing intermezzo with final piano notes letting a sunbeam achieve the bottom of the abyss, as a symbol of reborn hope after a period of darkness and relinquishment.
    Fast power beats deign of Junkie XL but with completely different vocals compose "The Light", another dark episode with U2-like guitar riffing; one of the most solid and 'rock' songs of the CD and one of my favourite ones, basically cause it dates back to the best that pop, rock and dance were able to give birth to when first crossbreeds among them started to be realized, and I'm referring to the end of the 80's and especially the start of the 90's. Sometimes the good ol' times do come back!
    Massive power beats and a groovy synth take the lion's share in "A Voice"; a sort of slower Chemical Brothers and Daft Punk suitable for "Trainspotting 2" with a clearly EBM closure.
    "Tears": a super song unveiling after some drops falling and a spooky environment a là "Psycho"; it becomes a most delicate and relaxing Dark wave track.
    Time's almost up and "Exit" is chosen for this task; rather obscure and slow programming, riffs painted patiently and symphonic final keyboards; "Exit" is undoubtely the closest to Depeche Mode in my view.

    There're still some improving margins, so P&P can but be described as an electro dark wave outsider so far. More courage to dare unusual and/or gloomier solutions and more focus on their songwriting fluidity would prove helpful to a band playing a saturated style, so as to stand out from the average bands.

    MARKUS GANZHERRLICH - 4/4/04
     
  5. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    Kronic

    Le porte degli anni ?80 sono ancora aperte?


    Gli anni ?80 sono stati senz?altro il periodo più ricco, più coinvolgente per le sonorità elettroniche e new wave. Da quei anni sono nate le contaminazioni più sincere e pure e su queste atmosfere si basa il debutto dei Pleasure and Pain, progetto italiano che attraverso un semplice ed orecchiabile electro dark si presenta al pubblico internazionale con ?Exit Gate?. Le coordinate sonore sono ben dirette su atmosfere tipicamente eighties, tastiere sognanti, avvolgenti ed una base elettronica mai aggressiva. E forse proprio qua risiede il difetto di questo nuovo prodotto della divisione gothic della Code 666, la Dreamcell. E? sì un buon album, prodotto in maniera altamente professionale ma forse eccessivamente legato ai dettami stilistici di un tempo che ormai appartiene ad una storia cosparsa di polvere e ricordi. In ogni caso l?ascolto del CD scivola giù con punte non trascurabili di piacere ed una spensieratezza che ben si adatta ai primi caldi di questi giorni. Synth e voce `eldritchiana` in ?She Walks In Beauty?, così come in una notturna ?Never Come Back??. Suoni più possenti e virati sull?EBM più morbida in ?Lost? e per finire ?Exit? una tenebrosa traccia new-wave. Nel complesso il primo full lenght dei Pleasure & Pain è troppo omogeneo, affine nelle sue 10 tracce. Raramente ci si imbatte in songs che nascondono particolari che le rendono uniche o almeno degne di nota per le emozioni che potrebbero senz?altro provocare. Canzoni accattivanti ma un minimo di originalità non avrebbe guastato il risultato finale?
     
  6. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    transit magazine

    PLEASURE AND PAIN | Exit Gate
    DreamCell 11 Entertainment
    L?electro dark se faisait un peu rare ces derniers temps au niveau des sorties CD. C?était sans compter avec les Italiens de Pleasure And Pain qui annoncent la couleur d?emblée avec leur premier album. Mélange entre Diary Of Dreams et Project Pitchfork, parfois avec un côté The Cure (à l?instar du morceau ?Never Come Back ??), l?ambiance dark wave du quatuor est accrocheuse. Assez entraînant pour danser, passablement mélodique pour émouvoir, l?essentiel est joué ! Le dosage se veut précis : une linéarité discrète entre chaque chanson, néanmoins suffisamment palpable pour suivre le fil d?Ariane. Cependant, même si ce disque reste très bon, une fois celui-ci terminé, j?ai été presque déçue de ne pas avoir trouvé LE titre à repasser en boucle, celui qui turlupine et demeure en tête inlassablement ! Ceci dit, cette production est quand même chaudement recommandée ! [Oxana]
    www.pleasureandpain.it

    terrorverlag.de

    PLEASURE AND PAIN ist eine italienische Band, die bereits seit November 1997 besteht. Nach den ersten Monaten ihres Schaffens konnten sie ihre Songs auf einigen kleinen Gigs in Rom performen. In den Jahren 2001 und 2002 brachten sie dann 2 Demos heraus. Die nun vorliegende CD "Exit Gate" ist ihre erste Fulltime-Veröffentlichung.

    Stilistisch bewegen sich PLEASURE AND PAIN im Dark Wave-Bereich mit leichten Gothic-Einflüssen. Man könnte sagen eine Art Symbiose zwischen PINK TURNS BLUE und alten LOVE LIKE BLOOD, wobei ich betonen möchte, dass ich zu keinen Zeitpunkt den Eindruck hatte, irgendwo werde abgekupfert. Obwohl ich eigentlich nur härtere elektronische Klänge bevorzuge und Dark Wave schon Ewigkeiten nicht mehr bei mir lief, ist dieses Album seit langem wieder eins, welches mir gleich vom ersten Hören an vom Anfang bis Ende gefiel. Auch wenn dies ihr Debütalbum ist, merkt man zu jedem Zeitpunkt, dass man hier Musiker vor sich hat, die mit ihren Instrumenten umgehen können. Die einzelnen Tracks sind sehr schön arrangiert, die Stimme Paolo Cataldis passt wunderbar zu der melancholischen Grundstimmung der Lieder. In einem durchgängig starken Album empfehle ich die Tracks "Shining Spirits", "Lost" - mit typischen EBM-Beats startend - sowie " A Voice", das manchem Future-Pop Stück die Schau stehlen könnte. Für mich der bisherige Newcomertipp des Jahres und man kann nur hoffen, dass es dieser Band nicht wie vielen anderen geht und sie einfach wieder in der Versenkung verschwinden.
     
  7. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.hmportal.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=3015

    Il primo disco ufficiale per i romani Pleasure And Pain (dopo un paio di demo che li hanno fatti conoscere in ambito underground) è un concentrato di dark wave e musica elettronica, atmosfere decadenti e ritmiche danzerecce. La band però non si lascia trasportare dalla moda del future pop e dell?ebm da classifica, non spinge quasi mai sull?acceleratore dei bpm e spesso le tastiere lasciano il posto agli arpeggi delle chitarre. Le note di ?Exit Gate? ci portano indietro di una ventina d?anni, quando ci fu l?esplosione dei sintetizzatori e la sua fusione con gli strumenti classici del rock, con uno sguardo alle ultime tendenze in campo elettronico e gothic. I Pleasure And Pain preferiscono le tinte cupe e oscure ai ritornelli catchy, s?ispirano più alle dark wave song anni ?80 che alle hit da dancefloor, anche se non mancano comunque episodi ballabili come ?Lost? o ?A Voice?, molto adatti alle piste dei gothic club europei. La voce calda di Paolo Castaldi ricorda spesso quella di Eldritch dei Sister Of Mercy e ben si adatta alle visioni oniriche e tenebrose create dal resto della band, anche se a lungo andare risulta leggermente monotona e ripetitiva. In definitiva un buon album electro dark, che predilige esplorare il lato malinconico e non necessita di tastiere ?tamarre?.

    Echi di dark wave ottantiana e sapiente uso dell?elettronica
     
  8. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.metalmaniacs.it/Recensioni/Pleasure and pain - Exit gate.htm
    Pleasure and pain - Exit gate
    Etichetta: Code666


    Eccoci di fronte ad uno dei più promettenti gruppi italiani per quel che riguarda il panorama Dark. E con i Pleasure And Pain, di Dark-Wave si tratta... ne più ne meno, di quella apprezzata a partire dagli anni '80 con gruppi quali i Clan Of Xymox, anche se ovviamente anche altri gruppi (The Cure) hanno ispirato le composizioni della band. Diventa difficile parlare di questo disco, che seppur presenta qualità notevoli, mostra stilemi ben conosciuti, il che però non è un difetto dato che queste basi vengono utilizzate in maniera appropiata e fruttifera. Le capacità di creare canzoni dal mood oscuro e malinconico al quartetto non mancano, e difatti ci troviamo di fronte ad un album molto ben realizzato, composto da dieci ottime canzoni che sicuramente faranno felici chi conosce e ama questo tipo di sonorità. I Pleasure And Pain sono al primo album e questo la dice lunga sulla strada che i nostri avranno modo di fare, per il momento per chi scrive va più che bene così... un plauso.

    Voto: 7,5
     
  9. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.lordsofwinter.com/Menu.php3?action=chronique&groupe=763&album=1472

    Parfois je me demande comment raisonnent certains labels, pour sortir et surtout préalablement signer des groupes? disons dispensables, pour ne pas être vexant. C?est la première impression qui me vient à l?écoute de ce premier disque du combo Italien Pleasure And Pain, ce nom illustrant d?ailleurs un certain masochisme, probablement celui de l?auditeur inconscient (et du label, ce qui me donne ma réponse !). Je vais essayer de me démarquer d?une certaine ironie qui m?assaille pour décrire globalement la galette : un mélange de scène électro/ambiante allemande et d?un Rammstein sous valium (doté de chant en anglais ici, donc beaucoup moins rocailleux) avec du Franky Goes To Hollywood (vous vous souvenez bien, le titre « relax » dans les ?80s !) pour le côté mid tempo dynamique. Je suis tout à fait sérieux ici et je n?aurais jamais pensé inclure de telles références dans une chroniques. Autant dire que c?est déroutant, et que l?on a donc envie de changer.. de route. Non pas que les morceaux soient mal composés, à l?image de « naked blood » et « never come back ? » mais pour accrocher je crois qu?il faille absolument être lourdement imbibé, dans une obscure cave allemande, avec des habits bariolés/transparents et des individus d?un sexe indéterminable vous tournant autour. Les morceaux passant le mieux sont les moins rythmés (ce qui évite le côté électro/technoïde peu engageant des percussions), comme la sixième plage au piano, très agréable et trop courte, ou les deux dernières, qui sur près de dix minutes proposent une musique douce, apaisante, où enfin le groupe se montre intéressant, et le chant ? monotone ? remplit pleinement son office. 47 minutes d?une épreuve que l?on évitera de renouveler au final, même si l?on a décelé certaines qualités, occultés par un genre bien souvent horrible étant sobre ou hétéro :)
    (Nagel - 23/05/2004)
    2.10
     
  10. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.metalitalia.com/cds/view.php?cd_pk=2047

    Recensione di Gennaro Dileo
    Dopo aver pubblicato due demo cd nel 2001 e nel 2002, la band romana si accasa presso la Dreamcell 11 e pubblica questo ottimo full length, composto da dieci canzoni ricche di sfumature nonché pervase da buone intuizioni. La musica che propone il quartetto capitolino può ricollegarsi alla darkwave ottantiana con echi che rimandano alle atmosfere più gotiche dei Vnv Nation unite a un gusto tipicamente rock. E' lecito sottolineare che la band non cerca il ritornello squisitamente catchy o il riffone serrato tipico di grandi act quali Zeromancer e The Kovenant, ma preferisce concentrarsi su atmosfere più cupe che tendono a farsi apprezzare con attenti e ripetuti ascolti. La voce di Paolo Cataldi è oscura e sognante, calza a pennello sui freddi innesti meccanico-elettronici e sui misurati inserti chitarristici ad opera di Andrea De Luisi che, a tratti, rievocano lo spettro dell'affascinante "Love" dei Cult ("Never Come Back?"). Non mancano atmosfere maggiormente plumbee e intriganti come nella soffusa "Tears" o momenti prettamente danzerecci (ripeto, non tamarri!) come nell'iniziale "Naked Blood" e nella solenne "She Walks In Beauty", dove fa la comparsa un buon guitar solo. "Shining Spirits" ci riporta piacevolmente indietro di circa vent'anni, richiamando a sé l'alone glaciale dei Sister Of Mercy, pur non raggiungendo l'apice compositivo-emozionale della band di Mr. Eldritch. "Lost" è la canzone più Ebm oriented del lotto, ed ha il grosso pregio di non essere scritta a tavolino per i goth club, dato che sono assenti i tastieroni tamarri, sostituiti da un accattivante ed ipnotico arpeggio di chitarra. Tanto arrosto e poco fumo è il risultato di questo sorprendente platter consigliato a chi è stufo delle solite tamarrate usa-e-getta (o "musica da supermercato" come fieramente asserisce un certo amico/recensore...).

    Voto: 7.5
     
  11. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.benzoworld.com/Heavymusic.htm
    75/100

    "Exit Gate" è il debut-album dei Pleasure And Pain, interessante nuovo gruppo della scena electro-wave italiana. La proposta musicale del quartetto romano è piuttosto valida e seppure non troppo originale (a me hanno ricordato molto alcune cose degli americani Cruxshadows), nel complesso i dieci pezzi che compongono questo CD sono carichi di "pathos" a cavallo tra sonorità tipiche della "dark-wave" degli anni 80 e alcune piu' moderne inseribili nel filone "electro-pop". Una pecca a mio parere di questi 47 minuti di musica è la ripetitività di alcune soluzioni melodiche, consiglierei alla band di curare di piu' la stesura dei pezzi al fine di sorprendere in qualche occasione l' ascoltatore perché alla lunga il cd rischia di risultare un po' noioso nel complesso. Sulla carta la band ha tutte le carte in regola per ritagliarsi un posticino nella scena Dark europea e il recente contratto con l'etichetta Dreamcell11 (costola della navicella madre Code666) nonché la partecipazione a diverse compilation dark e gothic e molti live show nel circuito di locali Goth italiani non possono che testimoniare la bravura di questi ragazzi e spronarli a continuare l'ottimo lavoro.
     
  12. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.gothica.it/sito/index.php?module=prodreviews&func=showcontent&id=108
    Pleasure And Pain - "Exit Gate" - Dreamcell11/SPV/Audioglobe 2004
    darkboy rates it: Community rates it: (no ratings yet)

    Che i Pleasure And Pain siano fans dei Clan Of Xymox è fuor di dubbio: "Exit Gate" suona come quello che sarebbe dovuto essere il nuovo album degli Xymox e che purtroppo non è stato.
    A dirla tutta questo primo lavoro ufficiale sulla lunga distanza dei P&P oltre ad essere confortante è anche e soprattutto sorprendentemente intenso e trascinante. Dieci brani che lanciano uno sguardo nostalgico verso la cold wave più raffinata e i fasti degli anni '80 (che in molti rimpiangono) senza però risultare mai anacronistici grazie ad un interpretazione personale e moderna del background musicale che emerge da ogni singola traccia. Continuando sul parallelismo con i C.O.X., i Pleasure And Pain non hanno fatto l'errore di stravolgere un identità musicale caratterizzante per aggiornarla forzatamente su suoni in certo modo inappropriati..così se gli ultimi lavori di Ronnie e soci puntano verso un elettronica invadente e invasiva i Pleasure ne fanno un uso calibrato e discreto producendo una mistura raffinata di suoni sintetici quanto basta e partiture "artigianali" dando al lavoro un senso di continuità con la tradizione proiettandola verso quello che sarebbe dovuta diventare oggi.
    La tracklist di "Exit Gate" recupera brani dai precedenti ep della band: "Naked Blood", "She Walks in Beauty" da "Naked Blood" (2003) e l'intero ep "Indelible" del 2001 ("Never Come Back?", "Lost", "The Light", "A Voice", "Tears") ovviamente rielaborando le tracce in veste più attuale e consona ad un lavoro ufficiale. E' sorprendente quanto "Naked Blood" ad esempio sia azzeccatissima come incipit introducendo le atmosfere del lavoro, oppure come "Lost", "Echoes" e "The light" si amalgamino nella struttura di un progetto sicuramente più complesso e ampio dell'ep di presentazione che le ha viste pubblicate per la prima volta.
    Ma sono di sicuro le tracce nuove di zecca a colpire di più: "Shining Spirits" (a mio parere il brano più interessante del lavoro) riassume quanto detto in precedenza..ossia la fusione di tradizione e modernità in una formula vincente e trascinante..chitarre che costruiscono un intreccio di pura fattura ottantina (al primo ascolto mi son venuti in mente i migliori Simple Minds) tappeti synth che accarezzano la melodia e si fondono alla voce del singer trascinando la struttura del brano verso il culmine del ritornello. "Exit" invece ci saluta con un incedere rarefatto e frammentato tenuto insieme dal cantato di Paolo e dal raffinato lavoro di Andrea alle chitarre riuscendo a regalare ad "Exit Gate" un commiato atmosferico e intimo.
    Per concludere "Exit Gate" rientra di sicuro tra le migliori produzioni italiane al momento. Un lavoro completo, dosato, maturo..che sa colpire e affascinare. Gli stessi Pleasure And Pain si rivelano cresciuti musicalmente e artisticamente confermando le speranze che all'epoca esprimemmo dopo averli visti dal vivo e rilanciando per il futuro in attesa che ottengano la giusta e meritata visibilità.
     
  13. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
  14. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.royalcarnage.com/Reviews/chiefb/pleasure and pain/exit_rev.htm

    PLEASURE and PAIN are an Italian dark-wave electronic band. Their music is heavily influenced by 80?s Brit acts such as ULTRAVOX, THE CURE, and the legendary GARY NUMAN. If you intend to purchase this album, STOP! This is not a metal album but simply a trip down memory lane to the worst of the 80's.

    I don?t have a real problem with 80's music and on listening to this album for the first time, I was certainly drawn to the beats and vibes. It?s highly stylistic intros spurred by low-mid range vocals and complemented by techno music infuse an immediate satisfactory rush of the ?old-times.? It is the 80?s repackaged as club music, and indeed, upon listening, I pined again for the days of being 13 and making out with a chick to the tune of George Michael's, "Careless Whisper" in some dusky corner of a makeshift London nightclub, only to go home and throw on some old SABBATH to redeem my very being.

    So, on subsequent plays, one begins to question the album: What is this? Why make this? And, most importantly, what the hell am I doing listening to something distributed by the same label that plays host to ABORYM and NEGURA BUNGET? Are they that unaware of their target audience?

    The resurrection of 80's pop may be the founding belief of some, but does it really have to extend to my listening experience? I think not.

    Rating 3/10
    Reviewer Chief B
     
  15. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.resurrecturis.net/index2.html
    PLEASURE AND PAIN - Exit Gate
    (DreamCell11 - 2004)

    I Pleasure and Pain sono un nome noto nell'underground italiano del gothic, grazie ad una serie di concerti che hanno permesso loro di farsi conoscere al pubblico degli appassionati del genere fin dal 1997, anno in cui il cantante Paolo Cataldi e il tastierista Gianluca Bellincampi si incontrano e danno vita al progetto.
    Ora, dopo l'aggiunta in formazione del chitarrista Andrea De Luisi e del bassista Francesco Grasso e dopo i due demo 'Indelible' del 2001 e 'Naked Blood' del 2002, si torna a sentir parlare di loro grazie a questo debutto ufficiale che esce per la DreamCell11.
    Devo ammettere che l'ascolto di 'Exit Gate' ha prodotto sentimenti contrastanti in me. Le prime due tracce, 'Naked Blood' e 'She Walks in Beauty', le trovo davvero belle, addirittura entusiasmanti per le fortissime influenze dark wave marcate da una base electro pop molto ritmata che le rende veramente accattivanti e che risveglia ricordi di sonorità a cavallo tra gli anni '80 e '90, ormai da tempo seppellite dalle nuove correnti che hanno preso possesso del genere. Il primo paragone che viene in mente sono i Clan of Xymox, di cui riprendono in maniera impeccabile lo stile e le atmosfere.
    A partire dalla terza traccia, però, l'album comincia a calare un po' di tono: le canzoni piombano nella monotonia, causata da arrangiamenti troppo rigidamente legati alla dark wave più canonica, senza aprirsi ad alcun tipo di cambiamento, senza lasciare mai che la personalità del gruppo emerga, sommersa dal peso di sonorità troppo ancorate al sound di band quali Fields of the Nephilim e, in primis, i già citati Clan of Xymox.
    Ad eccezione di 'Lost' e 'A Voice', caratterizzate da basi elettroniche più decise ma comunque molto soffici e melodiche (che rappresentano una discreta novità all'interno di 'Exit Gate' e che non passano inosservate), ed escludendo pure i due brani iniziali già citati, il resto del lavoro si adagia su soluzioni melodiche troppo ripetitive. Un po' di "citazione" va bene, ma alla lunga la formula perde di smalto e l'ascolto si fa meno entusiasmante.
    I ragazzi sono in gamba, tecnicamente ci sanno fare e si può anche concedere loro il merito di riproporre un genere che attualmente quasi nessuno suona più (pur essendoci ancora molti cultori in giro), ma rimane comunque da chiedersi: c'era bisogno di un album che ricalcasse pedissequamente quanto già fatto da altri, senza apportare qualche elemento più fresco e originale che donasse al disco maggiore personalità e magari "rivedesse" il genere sotto un altro punto di vista più originale? Le potenzialità per fare di meglio ci sono sicuramente e mi auguro che i Pleasure and Pain sapranno sfruttarle a dovere in futuro.

    Laura


    Official band website:
    www.pleasureandpain.it

    Label:
    www.dreamcell11.net
     
  16. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.babylonmagazine.net/vis_...e_band=PLEASURE AND PAIN&nome_disco=Exit Gate

    I Pleasure And Pain ritornano sulle scene dopo svariati demo con un debut album all'altezza delle aspettative. La loro dark-wave elettronica, contaminata di pop, suona un po' come se i Front Line Assembly di "Tactical Neural Implant" avessero incontrato i primi Depeche Mode. L'uso delle tastiere non è tuttavia delegato solamente a sample, effetti, beats; momenti molto atmosferici sono sottlineati da buoni strings effect e da synth-piano. Non è un disco di sola trance elettronica, ma un insieme di brani equilibrato, alcuni leggeri, altri più pregni e di intensità più corposa.
    I primi tre brani potrebbero tranquillamente figurare in una colonna sonora, retti su una ritmica di tastiera spesso ripetitiva ma ipnotica e orchestrati con rifiniture di chitarra e basso. Le vocals sono molto fredde, come la musica in sè, ma testimoniano l'intento del vocalist Paolo Cataldi di lasciarsi guidare dai brani stessi nella loro presenza-assenza di emotività. "Never Come Back?" segna già delle variazioni, con una netta prevalenza dei refrain chitarristici e beats più incalzanti; si caratterizza inoltre per un più spiccato scheletro melodico rispetto alle precedenti, più ritmate e transitorie. Gli arpeggi di chitarra echeggiano carichi di vena nostalgica su una ispirata base elettronica in "Echoes"; pur difettando di ripetitività, l'asetticità del brano regala al chorus la piacevolezza di un suono che non stanca. Il pianoforte fa il suo ingresso in "The Light" con giri di accordi nervosi, insieme a percussioni elettroniche minacciose. In questa parte finale del disco la vena melodica prende definitivamente il sopravvento, dando consistenza al lavoro dei Pleasure And Pain, già efficace comunque anche quando semplice sottofondo ipnotico. "The Light" espone arpeggi e assoli minimali ma il cui suono prolunga le sensazioni di dinamicità del pezzo. L'infittirsi di riverbero e del tappeto elettronico contribuiscono a dare sensazioni di crescendo. "A Voice" è uno dei pezzi più notevoli del disco, ritornando al sound basato su synth, programming e tastiere, sviluppato su più strati, uno ritmico e altri armonici che danno carattere ed atmosfericità con quel suono astratto dal tempo e dallo spazio, surreale, tipico del genere dei Pleasure And Pain.
    Buona prova dei Pleasure And Pain, che spero possano rivelarsi anche più incisivi e violenti nel prossimo futuro. Se non altro, è ottima musica che stacca dalla tipica routine degli ascolti quotidiani.

    Website: www.pleasureandpain.it
     
  17. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://www.VS-WEBZINE.com

    Avec ce genre de kroniks, je me heurte à un problème de plus en plus récurrent. Comment mettre une note acceptable à un produit dont la teneur n'intéresse pas 98 ou 99% de nos lecteurs ? C'est tout à fait à l'honneur de la maison de disques de nous manifester sa confiance en nous faisant parvenir ses sorties mais j'avoue que je suis parfois un peu à l'aise au moment de devoir juger une galette de ce type en mon âme et conscience.
    Pour ce qui est de cet album du quatuor de Pleasure & Pain, la problématique est donc bien présente car on se retrouve, en lieu et place du métal majoritairement kroniké ici, avec un rock gothique typique des années 80 quand les fabuleux Sisters of Mercy envahissaient le coeur de tous une population de goths dévoués et authentiques, comprenez pas les jeunes idiots contemporains qui se croient gothiques dès qu'ils piquent le collier de leur chien.
    Il faut avouer que ces italiens ont mis le paquet pour leur premier album. A aucun moment, on ne se croirait en présence d'un disque sorti après 1990 à part un côté électro plus poussé qu'à l'époque ("The voice"). On se retrouve donc avec un disque qui présente logiquement tous les avantages et les inconvénients de ce style. Pour les avantages, on sait d'avance à quoi s'attendre, c'est sombre, lancinant avec des vocaux plutôt impersonnels et la guitare vient se superposer à la rythmique uniquement pour apporter quelques touches mélodiques typiques. Et il faut reconnaître qu'ils le font plutôt bien. Du côté des inconvénients, on ne sortira pas un poil de ce que les Sisters, The Mission, Ikon, Fields of the Nephilim ou autres Clan of Xymox ont contribué à créer. Comme groupe actuel similaire, ils me font penser aux Autrichiens de Floodland dont le dernier album "Decay" est très intéressant dans le style.
    De plus, ce disque n'a rien de vraiment enthousiasmant sur la durée, même pour les amateurs de goth les plus acharnés. Aucun morceau ne reste véritablement en mémoire et on s'ennuie carrément au bout de quelques écoutes. La faute en incombe (ou en décombe ?) en particulier aux vocaux souvent trop monocordes dont l'intonation neutre au possible finit par énerver. C'est dommage, car certains passages de guitares, qui doivent beaucoup à The Cure, sont agréables.
    Devant ce disque globalement correct mais qui ne restera nullement dans les annales, je ne peux donc que donner une sentence qui s'approche dangereusement d'une moyenne qui ne contribuera pas à sortir ce groupe d'un anonymat qui le poursuivra encore longtemps s'il ne songe pas à étoffer un peu son songwriting à l'avenir. Pour découvrir ce style, essayez plutôt les deux derniers Clan of Xymox. Vous m'en direz des nouvelles.

    http://www.pleasureandpain.it - 0 visite(s)
    Rédigé par : Loufi | 12/20 |
     
  18. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    http://maelstrom.nu/ezine/review_is..._rs=6&osCsid=7998127109f86a59fe3c472ba8a973f2

    Old school darkwave. Honestly, what more can be said about the releases in this genre that has not been said a million times before?

    In the case of Pleasure and Pain: they offer it with a little twist, because otherwise no one would even bother with this debut album. It?s the same old story of heavily 80?s influenced goth electronic music, goth rock music, goth this, goth that, EXCEPT it is all thrown in together to create one super duper goth mix of? goth.

    Really? you?ll have nothing to work with on this release, so just forget it even exists. (0/10)
     
  19. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    side-line

    Pleasure and Pain - Exit Gate (CD DreamCell 11/Code666)
    Posted by: Reviews on Aug 02, 04 12:30 am
    I remember this Italian quartet from their "Indelible"-demo. Well, after a
    few demos, they now laid their egg on this brand new subdivision of Code666.
    PAP is a band, which like many other Italian formation seems to love the
    past glory and influences of the 80s new wave movement. Their main source of
    inspiration has to be found in this decade, but they still add a personal
    touch. They more than once remind me to the outstanding The Danse Society. I
    perceive the same kind of coldness and sterility featuring a remarkable
    guitar play. The "Never come back?"-song is my absolute favorite here and a
    very good reference to what they're doing. The guitar play seduced me more
    than once. The sound on "The light" is even a bit comparable to early U2.
    With "She walks in beauty", they already deliver an excellent piece of music
    with some more wafting guitar vibes. In a more electronic style, the "A
    voice"-track stands for that own touch I was talking about. This is an album
    full of nostalgia and a real enjoyable listening as well!
    www.dreamcell11.net (DP:6/7)DP.
     
  20. Michele/Xyphias

    Joined:
    Oct 25, 2002
    Messages:
    716
    Likes Received:
    2
    Trophy Points:
    18
    Location:
    Italy
    Rock-Hard n° 23

    Exit Gate
    Rating: 8/10

    A seguito dell'immancabile gavetta spesa nel sottobosco underground, gli sforzi profusi dalla formazione capitolina trovano piena concretizzazione nell'agognato debutto sulla lunga distanza, licenziato dalla nostrana Dreamcell 11. La band si abbevera alla fonte di un electro-dark dinamico, le cui trame privilegiano l'emozionalità e la ricerca della canzone intesa nella sua accezione più classica. Gli scenari musicali affrescati dal quartetto si tingono di tonalità in bilico tra il plumbeo e l'etereo, il tutto armonizzato in un melange stilistico dove uno spiccato intimismo si impone come caratteristica peculiare della musicalità dei nostri. Ritmiche solide, ficcanti, costituiscono il sostrato ideale per le linee di tastiera e i temi chitarristici, quest'ultimi incisivi e facilmente assimilabili, su cui si stagliano ritornelli in grado di penetrare nell'animo dell'ascoltatore anche a seguito di pochi ascolti. L'espressività dei Pleasure and Pain raggiunge il suo apice nella prima parte del lavoro, dove si condensano gli episodi di maggior lustro dell'album. In particolare, è doverosa una menzione per tracce quali l'iniziale "Naked Blood", le atmosfere desolanti e tristi di "She Walks in Beauty" e "Lost", nonché le piacevoli melodie di "Never Come Back?".Questa prima fatica sulla lunga distanza ci regala una band in possesso di buone potenzialità, autrice di un debutto che non tarderà a raccogliere consensi tra gli estimatori del genere. Nella marasma di uscite quotidiane, il combo romano merita il vostro supporto.
    Paolo Sola

    Ascension Magazine n° 6
    Exit Gate

    Il miglior gruppo darkwave italiano dai Frozen Autumn ad oggi? Direi proprio di sì! E se mi sbilancio in un'affermazione del genere un motivo c'è. Prima però lasciate che vi parli un pò più in generale del cd... Tastiere infinite, immensamente melodiche come solo i primi Clan Of Xymox e i migliori Frozen Autumn furono capaci, battute di drum-machine secche e potenti come solo le prime drum-machine anni ottanta seppero fare, chitarre taglienti (anzi di più!) e... E la voce di Paolo che mi ricorda assolutamente Steve Rawling dei Danse Society! Lo ammetto: i Danse Society sono una delle band che ho sempre ammirato di più nella mia vita (ovviamente agli inizi di carriera - prima che si rincretinissero e commercializzassero) e, credetemi, se lo pensate anche voi non lasciatevi sfuggire questa grande opera prima dei Pleasure and Pain. Seppure l'imbarazzo della scelta sia grande (a buon intenditore non fare domande) devo spezzare una lancia (infuocata) a favore della grandissima "Never Come Back?"... Ho dei brividi: mi vengono in mente "Come Inside" e "Wake Up"! Oh my Gosh!!!!!!!!!!!! Ciò che però mi "spaventa" di più è la traccia seguente, "Lost", con tanto di un ritornello che dice: where are you now???!!!! (Chi conosce i Danse Society sa cosa intendo). Insomma, se i Danse Society esistessero ancora adesso sarebbero i Pleasure and Pain! L'ho sparata grossa? No! Credetemi e godete di questo cd che, sin dal primo ascolto, è già entrato in vetta alle mie preferenze del 2004. Ebm? Future-pop? Sorry, I don't understand! Di che state parlando??????????? Una favola di cd! (10 e lode). Per chi invece ha frainteso le mie parole capendo dalla recensione che i Pleasure and Pain sono dei cloni (non è vero), consiglio allora di andare a leggerne altre da un'altra parte ma di raccattare ugualmente questo cd: ne vale la pena!!!
    Alex Daniele
     

Share This Page

  • About Us

    Our music community has been around for almost 15 years and we pride ourselves on offering great metal music discussion, as well as music production and other closely related topics. We work hard every day to make sure our community is one of the best. Enjoy!
  • Like us on Facebook

  • Donate ♥

    We have worked hard for 15 years (and running) to make sure our Metal community is running fast, uses the best software, and isn't overloaded with advertising. If you love the forum as much as we love bringing it to you, please show your support with a generous donation. We really appreciate it!