This site is supported by the advertisements on it, please disable your AdBlocker so we can continue to provide you with the quality content you expect.

Welcome to Our Community

Wanting to join the rest of our members? Feel free to sign up today.

Rain - "Dad is Dead" - reviews

Discussion in 'code666' started by TheWizard, Mar 17, 2008.

  1. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
  2. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from : http://www.metal-only.com/php/read_rec.php?id=2020



    RAIN - Dad is Dead (2008)
    Aural Music



    More info at:
    http://www.raincrew.com
    http://www.myspace.com/raincrew1980


    Svenska
    RAIN bildades på det glada 80-talet men formades till vad det är idag 1998, sedan dess har man turnerat flitigt, spelat in flertalet fullängdare och gjort sig ett namn i Europa. Den nya skivan ”Dad is Dead” har man spelat in i L.A. och låtit Eddy Schreyer, känd för att ha jobbat med namn som bl.a. Alice in Chains och Queen, skruva på plattan. Trots uppenbara framgångar har jag missat RAIN fram tills nu så det ska bli intressant med en ny bekantskap.

    RAIN ska enligt promobladet vara ett av världens mest genuina band spelandes Heavy Metal ’n roll och skivan ska få lyssnaren att head banga, ha vilt sex och dricka för mycket alkohol. Låter ju bra i och för sig men vari ligger det genuina frågar jag mig. Namnet RAIN känns ju inte direkt heller fantasifullt och är ganska oinspirerande. Så omslagspappret på paketet RAIN verkar inte lovande, men nu är det musiken som jag ska recensera och förhoppningsvis har den mer att erbjuda. Musikstilen som RAIN spelar är klassisk 80-tals hårdrock som man lätt känner igen, här står den riffbetonade, refrängglittrande och opoetiska rock ’n roll känslan i fokus. Det handlar om att inte bry sig så jävla mycket, leva livet och göra det man går igång på. Det är i alla fall vad jag tänker på när jag upplever konceptet RAIN. Men återigen frågar jag mig vart det genuina har tagit vägen, jag hittar ingenting med RAIN som är annorlunda, spännande eller chockerande. Musiken är inte dålig, bara trygg och förutsägbar. Jag förstår dock att bandet har en publik då musiken är lättsmält men det är nog det mest positiva jag kan få ur mig och då gillar jag traditionellt den här genren.

    RAIN blir ingen obehaglig upplevelse men knappast någon som jag kommer att minnas, tyvärr. Mycket hjärta räcker inte för mig i det här fallet, ska RAIN bli något att räkna med får man ta att börja använda fantasin och inte använda sönder redan slitna gamla Heavy Metal trasor.


    English
    RAIN was formed in the 80’s but became what it is today in 1998, since then they have toured a lot, recorded several full-length album and made their self a name in Europe. The new album “Dad is Dead” they have recorded in L.A. and invited e.g. Eddy Schreyer, known for have been worked with names like Alice in Chains and Queen, to master the piece. Despite all this I have managed to miss out on RAIN until now and it will be interesting with a new acquaintance.

    RAIN are, according to the promo-note, one of the worlds most genuine bands which plays a Heavy Metal ‘n roll and the album are supposed to make the listener want to head bang, have wild sex and drink too much alcohol. Sounds good, but where in lies the genuine. The name RAIN isn’t very colourful and inspiring either. So, the paper around the package RAIN doesn’t look exciting but maybe the content is. The music RAIN plays is easy to recognize and have its roots in the classic 80’s hard rock; here the riff accentuated, sparkling chorus and none-poetic rock ‘n roll are in focus.
    It’s all about not give a shit; live life and do what makes you feel good. Anyway it’s what comes to mind when I’m experience the concept RAIN. But ones again I ask my self where the genuine is, I can’t find anything that is different, exciting or chocking with RAIN. The music isn’t bad, just safe and predictable. Though I can understand that the band has an audience when the music is easy listened, but that’s the most positive I can say about this album and I like this genre traditionally.

    The first meeting with RAIN isn’t unpleasant but I can’t say I will remember it, sadly. Much heart isn’t just enough in this case, if RAIN is gonna be something you can count on they have to start using their imagination and stop trash already worn out Heavy Metal racks.
     
  3. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.stalker.cd/index.php?lang=1&content=62&kat=live_concert&id=161&&lang=2

    - Reviews: KONZERTE - CONCERTS -






    Defuse / Rain

    2008-03-22
    Stadt / CityHelsinki Land / CountryFIN Webwww.defuseband.com
    www.raincrew.com

    Veranstaltungsort:
    LocationSemifinal Datum / Date14.03.2008 Bildergalerie / PicturegalerieDefuse,Rain_2008 Photos: Klaudia Weber
    It´s quite rare that an Italian band comes that high up North, especially during such rough winter weather, when at the same time it´s + 27 C in Bologna. Rain impressed with great sound and 80s Metal mixing elements of Maiden/Priest and lotsa party, and singer Francesco´s voice even reminds of Bruce Dickinson. The Finns were excited but kept a certain distance to the stage until half of the show was over. The Italians focused on their „Dad is Dead“ CD, besides the title track they played e.g. „Last Friday“ or „Bang Bus“. And still the audience screamed for more – a very successful Finland premiere!
     
  4. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.lordsofmetal.nl/showreview.php?id=11469

    Rain - Dad Is Dead
    Aural Music Group
    archiveer onder Heavy metal
    Nima: De geschiedenis van deze band gaat terug naar 1980 en hoewel ze buiten hun thuisbasis Italië nog weinig naamsbekendheid hebben nemen ze om de vier jaar trouw een cd uit. Veelal is het spul behoorlijk gelimiteerd en vooral bedoeld voor de trouwe fanbase, ook wel The Raincrew genaamd, en hebben ze in Italië en semi-legendarische status.

    Eerlijk gezegd ben ik niet bekend met de band's eerdere werk en is 'Dad Is Dead' mijn eerste kennismaking met deze heren. En ik moet eerlijk zeggen dat het zeker geen onaangename is. De smerige rock n' roll van deze seksverslaafde alcoholisten met de daarbij behorende teksten (en dus ook een flinke dosis) humor is namelijk erg pakkend en een zeker ook vermakelijk. De strakke riffs en de rauwe zang zijn over het algemeen prima te verteren en zorgen voor een feestelijke sfeer. Uiteraard is het allemaal geen moment origineel of vernieuwend en je hoort de invloeden van Motörhead, AC/DC, Rose Tattoo in een pittig heavy metalsausje duidelijk terug in de muziek. Ze hebben de nummers echter een lekker eigen draai gegeven waardoor ik de band niet direct ergens mee kan vergelijken. Een meer recente vergelijking zou met de Duitse collega's van Gun Barrel zijn, die deze maand ook met een prima komen.

    Maar goed, hoewel de algemene indruk over de elf eigen songs en een zeer geslaagde versie van The Cult's 'Rain' (met gastoptredens van Steve Sylvester en Freddy Delirio van de Italiaanse shock-rockers Death SS) erg positief is moet ik uiteraard ook de nodige kanttekeningen plaatsen. De songs tonen onderling maar weinig verschillen en zijn dus individueel moeilijk uit elkaar te houden. Daardoor is ook de speeltijd van ruim een uur net iets te lang. Maar al met al is dit gewoon een heerlijk rock n' roll plaatje, die vooral op feestjes of in de kroeg goed aanslaat.


    Score: 79/100 (toelichting)
    http://www.raincrew.com
     
  5. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    same in english

     
  6. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.truemetal.it/reviews.php?op=albumreview&id=6760

    rate: 81/100

    Dad is Dead
    Rain
    2008, Aural Music Audioglobe
    Heavy
    Pubblicata in data: 04/04/2008
    [​IMG]

    I bolognesi Rain sono uno dei gruppi più longevi dell’HM tricolore. Nati nel 1980, hanno passato gli anni ruggenti della Nwoihm a suon di demo fino ad arrivare alla prima pubblicazione semi ufficiale nel 1986, con l’album The Rain is Coming. La classic line-up dei felsinei annoverava Alessandro “Tronco” Tronconi alla voce, Luciano Tattini e Alessio “Amos” Amorati alle chitarre, Gianni “Gino” Zenari al basso e Andrea “Mario” Baldi alla batteria. Da lì in avanti centinaia di concerti – dalle arene ai pub di periferia - , migliaia di chilometri macinati in Italia e in Europa, una manciata di dischi e miriadi di mani strette. Nel 2003 l’uscita dell’album della maturazione: Headshaker. Un crogiuolo di HM duro, massiccio e potente in mezzo ai denti, spalmato su undici tracce, uno di quei dischi che ogni defender tiene a portata di mano per sentirselo di tanto in tanto. Nel 2005 Tattini lascia la band così come qualche mese fa abbandona lo storico “Tronco” e la line-up si assesta con Marco Rizzi alla chitarra e Francesco Grandi alla voce, accanto ai tre monumenti Amos, Gino e Mario.
    Aprile 2008: dopo anni di attesa esce finalmente l’ultima fatica dei Rain, dal titolo Dad is Dead e dalla copertina intrigante, fuori dai soliti cliché.
    Si parte con 8 Bar, un pezzo Rain al 100%, la giusta prosecuzione di Headshaker: cori carichi senza esagerare, soli di chitarra a metà brano a profusione e finale al Metallo urlato. Blind Fury passa senza impressionare ma è con Mr. 2 Words che torna a dettare legge la cara, sana, Nwobhm: voce rarefatta e poi esplosione di cori che faranno la gioia delle prime file nel prossime (tantissime), date live in programma. Love in the Back fuoriesce direttamente dalla Loro cantina di New York… ops, dalla leggendaria “Fossa”, infatti i Rain si divertono a fare i Twisted Fuckin’ Sister più arrabbiati, come da titolo, abbastanza eloquente… Rain Are Us è ancora Usa oriented, nella fattispecie la “Hard Side” di Los Angeles anni Ottanta, grazie al refrain sussurrato - di grande impatto - e ai riff di chitarra centrali stavolta sfacciatamente British style su contesto americano. Red Kiss non lascia traccia e si arriva a The Party, ovvero il territorio di battaglia preferito dai cinque bolognesi, rock’n’roll a manetta nella tradizione di quella che è la canzone simbolo dei Rain: Only for the Rain Crew contenuta in Headshaker. Già mi vedo Amos in posa plastica tamarra che ne spara i riff di chitarra con il deretano a sbalzo sul finestrino della mitica Ford Capri. Sicuramente uno degli highlight di Dad is Dead.
    Ancora grandi asce aprono Last Friday, il brano numero otto, un’altra perla di British HM morbido con cori a la Wrathchild. Dad is Dead è la Motorcycle Man dei Rain: chitarre come rasoi proprio come i grandissimi Oliver/Quinn di Saxoniana memoria. In Swan Tears i bolognesi incontrano i Van Halen di fine anni Settanta, eccezion fatta per le voci effettate mentre The Reason è Dokken periodo Eighties ipervitaminizzati con cori classici “Rain”. Rock’n’roll puro a la Guns n’ Roses nella struttura portante di Bang Bus, un brano che riesce a fondere cori a la Motley Crue con riff granitici… buon Jack Daniel’s a tutti! Si chiude in modo sfrontato per un album altrettanto sfacciato: Rain è la riuscitissima cover del brano dei Cult, con tanto di ospiti illustri come Steve Sylvester e Freddy Delirio dei Death SS… no other words…
    Dad is Dead è un album che suona fresco, che riesce a trasmettere la voglia di suonare e di divertirsi dei cinque Rain, e tanto basta. Francesco “Il Biondo” Grandi non riesce a far dimenticare un grandissimo interprete come “Tronco”, ma si trattava di un’impresa improba per moltissimi altri. Il nuovo singer è meno dotato come estensione ma sicuramente più acido nella timbrica, peculiarità che lo fa risultare perfetto nei brani più goderecci e meno diretti. Produzione assolutamente in linea con lo spirito del prodotto.

    Stefano “Steven Rich” Ricetti
     
  7. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from : http://www.disintegration.it/primo.asp?id=2856

    Rain - Dad is Dead

    Devo dire con sincerità di non essere del tutto soddisfatto da questo nuovo cd dei bolognesi Rain, una delle icone del tradizionale heavy metal italiano. Le defezioni di Lucio Tattini, ora nei Tarchon Fist, e soprattutto dell’eccezionale singer “Tronco” Tronconi si fanno sentire chiaramente, e per quanto i nuovi arrivati non deludano certo le aspettative, il livello qualitativo del songwriting mi sembra un po’ inferiore rispetto al precedente “Headshaker” (in archivio la recensione). È come se la band avesse perso mordente, coraggio e spontaneità: le tredici composizioni di questo “Dad is Dead”, forse complice anche una produzione paradossalmente troppo pulita, graffiano troppo poco rispetto a brani come appunto “Headshaker” o “Only for the Rain Crew” (entrambe dall’album precedente). Non mancano i ritornelli indovinati (come quello di “8 Bar”) e le canzoni da headbanging (“The Reason”), ma ci sono anche brani decisamente poco ispirati (“Mr. 2 Words”, la ripetitiva “Last Friday”, la debole “Swan Tears”) oppure troppo “tranquilli”, quasi al confine con l’hard rock, che in un album dei Rain c’entrano poco e niente (“Rain are us”). Non credo ci troviamo di fronte ad una sorta di cambiamento stilistico da parte dei Rain, che continuano ad incarnare l’ideale “sesso birra e rock’n’roll” sia nell’immagine che con i testi: direi quindi che i nostri risentono semplicemente del difficile momento passato negli scorsi due anni, e che saranno certamente in grado di risollevarsi. Intanto li aspetto al varco per una delle numerose date live che accompagnano quest’uscita discografica non eccellente. Nella cover finale dei The Cult “Rain” troviamo anche Steve Sylvester e Freddy Delirio.
    (Renato de Filippis) Voto: 6/10
     
  8. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from :
    http://www.silentscreamzine.com/ReviewShow.asp?ReviewsID=6265&lang=ITA

    Rain
    Dad Is Dead

    Aural Music / Audioglobe
    2008

    Hard Rock / Heavy Metal


    Vote 6,5



    Rain, pioggia. Ma non piove certo sulla band italiana che, forte di una nuova formazione, di un nuovo disco e di un nuovo contratto discografico, si ripresenta all’attenzione di tutti i rocker ed headbanger della penisola. Heavy metal o hard rock? La domanda, per certi versi legittima, appare in questo caso alquanto oziosa. Il gruppo infatti ha imbracciato gli strumenti già dagli anni ’80 e, nel corso di questi lunghi anni di carriera, ha saputo procedere a cavallo dei due generi, secondo un’inveterata tradizione che procede dai Judas Priest in avanti. Esperienza e consapevolezza che dominano la scena, quindi, ma anche la giusta attitudine ed energia nell’interpretare l’immortale canovaccio rock’n’roll fatto di donne, birra, macchie veloci e chitarre distorte. Un copione che ha conquistato anche l’animo di Steve Sylvester e Freddy Delirio dei Death SS, che hanno accettato entrambi di buon grado di partecipare alla festa, donando il loro contributo ad una cover dei The Cult non scelta a caso: “Rain”! L’obiettivo, si capisce, è quello di colpire il palco con più energia possibile, ed è per questo che “Dad Is Dead” può essere considerato (anche) come il preludio al vero banco di prova per una band dell’indole dei Rain: il concerto dal vivo. Le canzoni nuove, c’è da crederci, renderanno alla perfezione.

    Dario Adile
     
  9. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.powermetal.de/review/review-12073.html

    Es ist für mich immer wieder sehr verwunderlich, dass es Bands gibt, die schon so lange im Geschäft sind, von denen ich aber bisher noch nicht mal ansatzweise etwas gehört habe. So zum Beispiel auch von den Italienern RAIN, die mit "Dad Is Dead" nicht nur ihr mittlerweile siebtes Album vorlegen, sondern vor ein paar Jahren auch auf dem "Keep It True" und "Metal Camp" rocken durften. Schande über mich, denn diese Formation hätte eigentlich schon länger auf meinem Bildschirm sein müssen.

    Auf ihrem neuen Album präsentieren uns RAIN Heavy Metal in seiner Reinkultur. Es fühlt sich an wie eine Zeitreise in die goldenen Achtziger. Dabei sind die Italiener eine Mischung aus MÖTLEY CRÜE und Konsorten sowie den Briten SAXON, was einen heißen Mix aus Rotz-Rock-Attitüde und kraftvollen Riffs verursacht. Die Musik verspricht endlose Partys, heiße Frauen, schräge Klamotten, viel Alkohol und den Geruch von Revolution. Dabei könnte das Quartett rein musikalisch ebenso auf Bikerfesten wie auf Metalevents bestehen, denn "Dirty Rock'n'Roll" geht immer.

    Mit '8 Bar' und 'Blind Fury' starten die Italiener recht flott und furios in ihr neues Album. Sie legen damit ein Tempo vor, das sie im weiteren Verlauf nur noch sehr selten anschlagen ('Dad Is Dead'). Auch wenn die restlichen Songs dann eher etwas rockiger und dreckiger daher kommen, bleiben RAIN stets hart, was vor allem an den lauten und sehr direkten Gitarren liegt. Sie besitzen zwar nur eine leichte AC/DC-Verzerrung, doch diese brät und rockt wie die Hölle. Musikalisch verzichtet die Band auf Spielereien und konzentriert sich in allen dreizehn Songs lieber auf klassische Riffs, einen anständigen Groove, kurze prägnante Soli und einen rohen ungeschliffenen Gesamteindruck. Ab und an schaffen sie die Kurve nicht ganz und verfangen sich etwas in Klischees ('Mr. 2 Words', 'Love In The Back'), was aber zum Glück nur kurze Ausrutscher bleiben.

    Im letzten Jahr wurde mit Francesco Grandi der Gesangsposten neu besetzt. Da ich den Vorgänger nicht kenne, kann ich hier leider keine Vergleiche ziehen, aber der neue Mann macht auf "Dad Is Dead" eine sehr gute Figur. Er klingt ein wenig wie Biff Byford, besitzt das notwendige Kratzen in der Stimme und überzeugt darüber hinaus mit gelegentlichen Schreien aus der Metalkiste, die sofort die geballte Faust hervorrufen. An Francesco werden sich bestimmt die Geister scheiden, denn entweder man liebt oder man hasst ihn. Ich finde aber, sein Gesang passt sehr gut zur Musik der Italiener.

    Die Produktion ist ebenfalls mehr als amtlich, knallt gehörig aus den Boxen und ist differenziert, besitzt trotzdem noch genügend Ecken und Kanten, die das Album lebendig wirken lassen. Ich möchte jetzt nicht sagen, dass wir es hier mit einem Überalbum zu tun haben, denn dafür ist noch zu viel vorhersehbares, sind noch zu wenige große Refrains und vor allem Abwechslung drauf. Doch das Album rockt die kompletten 57 Minuten und der Hörer hat reichlich Spaß dabei. Damit dürften RAIN ihre Mission zumindest erfüllt haben. Wer auf kernigen Metal mit Party-Rock-Attitüde steht, sollte hier mal ein paar Minuten investieren.

    Anspieltipps: Blind Fury, Rain Are Us, 8 Bar
     
  10. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    Rock Hard (printed Italy) 8,5/10
     
  11. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    Metal Hammer (printed Italy) 7/10
     
  12. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    SCREAM MAGAZINE #125 april 2008 (printed - norway)

    rate: 3/5
     
  13. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from : http://www.babylonmagazine.net/index.php?option=com_content&task=view&id=2529&Itemid=0

    RAIN
    Dad Is Dead
    Aural Music



    Cielo plumbeo e nubi terse di pioggia metallica. Si sta abbattendo un nuovo uragano sonoro marchiato Rain, non stanchi delle scorribande passate, ritornano ancor più potenti e devastanti di prima. "Dad Is Dead" rappresenta la nuova prova - maiuscola - dello storico combo italiano (attivo dal lontano 1984), tornato per fare terra bruciata. I Rain non tradiscono, "Dad Is Dead" conferma la propensione heavy e la capacità di scrivere song taglienti come l'acciaio da parte di Amos e soci. Heavy rock come non si sentiva da tempo, i Rain impongono la dura legge del più forte, autori di dodici brani compatti, dal passo atletico e tremendamente efficaci. I Rain si presentano con un nuovo frontman - Francesco Grandi - che sa il fatto suo, oltre ad essere pienamente calato nello spirito fun heavy'n'roll della band. La copertina (bellissima!) esprime al meglio lo spirito ferale di "Dad Is Dead", le storie sdolcinate da rocker mammoni non fanno per i Rain, i Nostri viaggiano a bordo di biker alla ricerca di avventure ed emozioni forti. Donna in sella, "Dad Is Dead" che romba nelle cuffie brano dopo brano, da "8 Bar" a "Rain Are Us", da "Swan Tears" a "Bang Bus", fino a chiudere con un mega classico dei Cult del periodo dark, quella "Rain" che rappresentò il primo grande successo del gruppo di Ian Astbury: partecipano alla cover due Death SS, Steve Sylvester e Freddy Delirio.

    Atto di forza





    Stefano Giacometti


    voto: 8



    www.raincrew.com



    01. 8 Bar
    02. Blind Fury
    03. Mr. 3 Words
    04. Love In The Back
    05. Rain Are Us
    06. Red Kiss
    07. The Party
    08. Last Friday
    09. Dad Is Dead
    10. Swan Tears
    11. The Reason
    12. Bang Bus
    13. Rain
     
  14. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from :http://www.metalloitaliano.it/


    Genere Heavy Metal
    Durata 57 minuti
    Etichetta Aural Music
    Web http://www.raincrew.com



    Track List
    01. 8 Bar
    02. Blind Fury
    03. Mr. 2 Words
    04. Love In The Back
    05. Rain Are Us
    06. Red Kiss
    07. The Party
    08. Last Friday
    09. Dad Is Dead
    10. Swan Tears
    11. The Reason
    12. Bang Bus
    13. Rain (cover The Cult)




    Rain - "Dad is dead" - Ful Length
    Nuovo album per i veterani RAIN, band bolognese attiva dal 1980, con alle spalle una storia importante, segnata da vari demo e cinque apprezzati album e condita da infinite avventure live, derivanti da una vita praticamente passata “on the road”. “Dad Is Dead” arriva dopo alcuni importanti campi di line up e ti sbatte subito in faccia il sincero amore per il rock con le palle. “8 Bar” è il primo concentrato di pura energia che fa tener giù il fiato grazie ad una sezione ritmica da paura, con il basso di Gianni “Gino” Zenari che ti travolge ed il drumming di Andrea “Mario” Baldi che poi ti passa sopra. “Blind Fury” e “Mr 2 Words” sono altri due spaccati di sano e robusto heavy metal, atti a mostrare le capacità del nuovo singer Francesco ”Il Biondo” Grandi, pienamente a suo agio tra cori azzeccati, riff e rasoiate di Alessio Amorati e dell’altro nuovo acquisto Marco “The Master” Rizzi. Gli ingredienti ci sono tutti in questo lavoro, ben registrato e dall’ottimo songwriting. C’è tanta viziosa attitudine come traspare dalla esplicita ed infuocata “Love In The Back” oppure dell’irrequieta ed eccitante “The Party”. C’è tanta voglia di rockare di brutto, come nella selvaggia title track, un’anthem dal riffing irresistibile o nella viscerale e frizzante “Swan Tears”. C’è anche la voglia di dar spazio ad un hard rock di classe come in “The Reason” o come nella stupenda “Rain Are Us” che strizza l’occhio a sonorità americane con il suo ritornello catchy e ruffiano. E se “Red Kiss” o “Last Friday” sono “solo” ordinarie bordate hard & heavy, sono toste abbastanza per farvi battere il tacco dei vostri sgualciti e impolverati stivali. “Bang Bus” con il suo ritmo ruggente e il riff sporco risulta stradaiola fino al midollo e vi conduce al gran finale con l’ottimo rifacimento di “Rain”, cover dei The Cult, impreziosita dalla presenza di Freddy Delirio alle tastiere e dell’inconfondibile voce di Steve Sylvester dei Death SS, che dona al pezzo un tocco magico in più e conclude nel migliore dei modi un grande album di sanguigno heavy metal, fresco e vario, che mostra una band sempre in forma, in grado di regalarci sempre intensi momenti di divertimento. Ogni altra parola è superflua, un disco da non lasciarsi sfuggire.

    Sergio Nardelli

    TOP ALBUM!:headbang:
     
  15. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    3/5 on NORWEGIAN ROCK MAGAZINE (Printed - nr. 2 - 2008)
     
  16. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from : http://www.silentscreamzine.com/InterviewShow.asp?InterviewsID=654


    Interview Group Rain - Member (2008) - Amos



    Ciao e benvenuto sulle nostre pagine! Che momento è questo per voi? Con che stato d’animo state vivendo l’uscita di “Dad Is Dead”, considerati anche gli ultimi cambi in formazione?

    Ciao, un saluto a tutti i lettori e grazie per l’intervista. Allora, per la band questo è un ottimo momento, siamo molto carichi per l’uscita del disco nuovo “Dad Is Dead”! Il tour di supporto che è già cominciato sta andando benissimo! I nuovi elementi, Francesco IL BIONDO Grandi alla voce e Marco THE MASTER Rizzi alla chitarra, si sono integrati alla grande ed hanno dato alla musica dei RAIN quella veste nuova che da un po’ cercavamo tutti insieme.

    A proposito, già che ci siamo, ci spiegate il significato del titolo del vostro nuovo disco?

    Diciamo che non c’è un significato letterale dietro il titolo del disco, pensa che l’idea fu del vecchio chitarrista CISCO. Per noi questo disco è la svolta, l’abbiamo fatto insieme, registrando in presa diretta batteria, basso e chitarra ritmica e credo sia proprio venuto bene. Credo ci sia qualcosa di fresco, di nuovo che da anni non riuscivamo più ad ottenere su disco…

    Pur non rinunciando alle cromature heavy metal, mi pare che i Rain siano oggi più che mai la classica band hard rock: quali sono le ispirazioni che vi hanno guidato nella composizione dei nuovi brani?

    Hai pienamente ragione, il nostro stile ce l’abbiamo ma abbiamo voluto fare un passo verso sonorità un po’ più americane (o svedesi) attirati da gruppi quali Backyard Babies, Hardcore Superstar, LA Guns, Motley Crue, anche se le nostre radici rimangono salde nel metallo di Manowar, Motorhead o Iron Maiden. Abbiamo cercato di mixare le due cose, tutto ciò è poi venuto naturalmente e siamo, come ho già detto, molto contenti del risultato… interpretato egregiamente dal nuovo cantante!!

    Sempre parlando dei pezzi nuovi, c’è qualcuno tra questi cui ti senti particolarmente legato e che pensi rappresenti al meglio il sound della tua band?

    In effetti non ne ho uno in particolare… penso siano 12 tracce davvero forti, in quanto avevamo scritto molto più materiale, che in gran parte è stato scartato per scegliere queste 12 tracce. Solo alla fine abbiamo poi deciso insieme al nostro agente Andrea BENNY Bernini di includere anche la cover dei THE CULT, “Rain”, che da sola dà davvero qualcosa in più a tutto il lavoro soprattutto perché cantata da STEVE SYLVESTER mentre alle tastiere suona il mitico FREDDY DELIRIO, yeah! Non avevamo mai registrato delle cover prima ma la cosa ci ha davvero divertito e gasato, bella lì, hahaha!

    “Dad Is Dead” esce con il supporto dell’etichetta Aural Music: vuoi raccontarci com’è nata questa collaborazione?

    Erano anni, dal ‘98 direi, che corteggiavo EMI della AURAL perché ritengo che sia persona molto preparata e professionale: infatti lui ed il suo staff hanno fatto un lavoro egregio per questo disco, la stampa dei CD è di ottima fattura e la promozione la più grande che i RAIN abbiano mai avuto!

    Proseguendo in una carriera che affonda le sue radici negli anni ’80, quali sono, oggi, i ricordi e le prospettive future per una band come i Rain?

    Eh eh eh, sono le stesse di sempre, andare avanti fino a che ci si diverte a suonare, la gavetta non finisce mai ma l’importante è divertirsi sempre, altrimenti tutto ciò non serve a nulla. I ricordi sono tantissimi, abbiamo suonato ovunque e con chiunque, da Paul di ANNO ai RAGE, da UDO ai PRIMAL FEAR, in Italia ed all’estero, Slovenia, Portogallo, Germania, Finlandia ma possiamo fare di più e ci stiamo impegnando per crescere ancora, yeah!

    Sono convinto che il vostro sound debba rendere al pieno delle sue potenzialità sopra le assi di un palco: avete organizzato già delle date per esibirvi dopo l’uscita dell’album?

    Sì, la dimensione migliore dei RAIN è da sempre quella live, tutte le date del “DAD IS DEAD ON THE ROAD TOUR 2008” le trovi sul ns sito (www.raincrew.com) o sul ns myspace (http://www.myspace.com/raincrew1980), ti aspettiamo sotto il palco, ok

    Lo chiedo a voi che avete attraversato tante stagioni dell’heavy nostrano: come vedi la scena musicale italiana, oggi, ed in che modo pensi sia cambiata nel corso degli anni?

    La vedo bene, anzi benissimo, i gruppi tosti sono sempre di più e l’attenzione dei metallari italiani per i gruppi del belpaese è in forte crescita. Penso proprio che per tutte le band italiane che fanno metallo questo sia un ottimo momento, peccato per la recessione economica in cui versano i mercati altrimenti sarebbe un boom certamente superiore a quello degli anni 80. Mai come ora ci sono stati tanti locali e festival in cui suonare.. e allora LONG LIVE ROCK ‘N’ ROLL!

    Grazie mille per la tua gentilezza, chiudi liberamente questa intervista come preferisci!

    Sono io a ringraziare te ed a salutare tutti i lettori, e le lettrici…credo che senza il contributo delle donne il metallo sarebbe finito da un pezzo, ma a proposito, l’avete vista la nuova miss RAINCREW? Yeah, DAD IS DEAD THE RAIN IS COMING! Vi aspetto su: www.raincrew.com e http://www.myspace.com/raincrew1980 .



    Dario Adile
     
  17. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.metalglory.de/reviews_neu.php?nr=16577

    Rain eröffnen ihr neues Album mit gefälligem Heavy Metal und mit viel Drive. Sehr erfreut mich das dichte Riffing des Openers „8 Bar“. In den tempolastigen Einlagen haut auch die Rhythmusfraktion mächtig auf die Glocke. Recht limitiert sind allerdings die Vocals von Francesco Grandi. Die sind zwar schön siffig und knarzig, aber technisch und charismatisch einfach nicht mehr als Durchschnitt. Der Gesang passt immer dann, wenn Rain in die rockigen Bereiche eintauchen. Das tun sie leider in den meisten Songs auf „Dad Is Dead“. Leider deswegen, weil sie für solche Musik meiner Meinung nach nicht authentisch genug wirken. Da fehlen mehrere Portionen Straßendreck in der Fresse. Und eine große Schale dick gekochter Eier. Mir gefallen die Herren immer dann, wenn sie ihre Metal Stärken in Szene setzen. Da spielen sie eine tolle Mischung aus Rock, True und Speed Metal. Leider passiert das eher selten. Insbesondere bei melodischeren Songs wie der mutmaßlichen Bandhymne „Rain are us“ kriege ich echt kalte Füße. Und die Biker Rock Tracks nehme ich den Italienern schon mal gar nicht ab. Leider bestimmen die nach einem ziemlich harten Einstieg weitestgehend das Klangbild auf „Dad is dead“. Dabei ist die Formation in den härteren Stücken richtig gut. Also meine Herren, bitte mehr Stahl auf die Muckis packen. Denn ich mag den speedmetallischem Einschlag, den meine Favoriten „Blind fury“, das vielleicht doch etwas zu seicht geratene (aber trotzdem irgendwie geile) „The reason“ und „Last friday“ haben. Mit solchen Songs könnte man auf dem Keep It True Festival oder dem Headbanger’s Open Air glänzen. Alles andere ist kalter Kaffee. Bitte diese letztgenannten Songs nicht als Anspieltipps nehmen, denn sie sind eher untypisch für die Scheibe. Aber wenigstens gibt es keine schmalztriefende Ballade. Dafür ein halber Extrapunkt. Erwähnenswert ist sicher auch noch das The Cult Cover „Rain“, das mit der Unterstützung von Steve Sylvester und Freddy Delirio von Death SS präsentiert wird.
     
  18. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.metalrage.com/reviews/2099

    Rain was formed in 1980 and has been working hard to become a well-known metal band in Italy to this date. Now, a band has to have a name. But why does it have to be Rain? Oh, man… I can feel it coming. Do I even need to hear this record to know what it sounds like?

    One look at the track list learns that Rain is a pretty straightforward band. Lyrically, they have simple messages that are coated with an eighties’ heavy metal crust. The lid fits the jar, because the music sounds like <insert random 80’s band here>. Obviously, these guys aren’t doing anything original. But are they doing a bad job? No, they’re not doing a bad job. They’re actually doing a quite decent job. The production is very good, there’s head-bang material, Francesco’s vocals sound very sturdy and the melodies are really accessible.

    Yet, I can’t escape the feeling that all the songs sound more or less the same, with minimal vocal diversion. The lead guitars seem to focus on simple rock n’ roll licks and never get too impressive or even wild. A track like ‘Rain Are Us’ did have an interesting vocal progression in the shape of a looping verse with lead vocals thrown in between. The leads are faster and do show that Rain are definitely capable of some decent shredding while staying melodic at the same time. Also, ‘Blind Fury’ starts out a little faster than the rest, but other than that can’t really crank things up a lot. The cheesy ‘ooh, oooh-hoooo’ sing-along intermezzo - ‘Maiden-style’ - is the drop that floods the bucket. Next!

    I wasn’t dad-impressed with this record (notice the pun, har har har) and a biography that says ‘one of the most genuine bands of the earth’ doesn’t really add to the enthusiasm. Genuine, generic… I guess it comes down to your fondness of bands from the eighties that haven’t really evolved over time. If that’s your poison, you should check Dad Is Dead out sometime. But there’s no rush, the album will still sound the same after the ones on top of your priority list.
     
  19. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.live4metal.com/reviews-607.htm

    Rain - Dad is Dead (Aural Music) Review by James Young:worship:[​IMG]They’ve been around for 28 years, had over 20 members come and go, have five albums under their belts, and I can’t believe I’ve never even heard of them. This is what can only be described as sleazy hard rock with a slight flavour of Italian power metal. Gruff but extremely melodic vocals, lyrics that don’t quite make sense, ambiguous song titles (‘Rain Are Us’ – excuse me?), dirty rock and roll riffs combined with some blazing double bass drum fury makes this a cheesy but enjoyable listen. It’s definitely only for fans of these genres, but personally I found it a great album for its sheer catchiness, with a nice dose of humour, albeit mostly unintentional. Francesco Biondi’s voice is reminiscent of Bruce Dickinson’s at its top range, but harks back to the days of 80s hair metal when accompanying the excellently retro hard rock riffs, courtesy of Marco Rizzi and Alessio Amorati. I have no idea what the lyrics are about – who knows what the two words of ‘Mr 2 Words’ are, and ‘Love In The Back’ may or may not be about anal sex. It doesn’t really matter though, because the playing is excellent and the production is spot on, capturing the alcohol-soaked nature of the genre perfectly.
    For just under an hour, you certainly get value for money with thirteen varied and well-written songs. The power metal (some would call it heavy but the style certainly verges on the ‘power’ side of things) is more present in songs such as ‘Blind Fury’ and ‘Last Friday’, with the high notes of Biondi meeting the trademark Italian double bass drums. The hard rock is more apparent in ‘Love In The Back’ and ‘Swan Tears’, which have the thumping beat and well-written riffs to bang our head to. Whilst these are great fun, the most interesting songs are those that blend the two genres together seamlessly, with ‘The Party’ for example reminding me of Edguy’s newer material. Included with this album as a bonus track is a cover of The Cult, which features members of the doom forerunners Death SS. This song isn’t as incongruous as you might expect for this album, because aside from the fact it’s about Rain, the rock riffs and extra double-kick drumming at the end seem to blend in nicely with the rest of the tracks.
    With bands like Warrant and Motley Crue seeming just too old to still be singing about sex, drugs and rock and roll, Rain bring catchy power metal tinged hard rock into the twenty-first century. Let’s hope Rain makes a splash with this brilliantly cheesy release. www.raincrew.com | www.myspace.com/raincrew1980 | www.auralmusic.com
     
  20. TheWizard

    TheWizard Member

    Joined:
    Dec 10, 2006
    Messages:
    106
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    16
    Location:
    Imola
    from : http://www.metalloitaliano.it/


    INTERVISTA per METALLO ITALIANO

    Siamo in compagnia dei bolognesi RAIN, band veterana che non ha certo bisogno di lunghe presentazioni. Tornano a noi con un nuovo concentrato di energia e tanta voglia di tornare “on the road”. “Dad Is Dead” porta con se qualche cambiamento, sentiamo cosa hanno da dirci.

    - Allora ragazzi, siamo qui per parlare del vostro nuovo album “Dad Is Dead” che arriva a distanza di alcuni anni da “Headshaker” ed esce dopo alcuni importanti assestamenti a livello di line up. Cosa è successo in tutto questo tempo?


    (AMOS) Bella Sergio, e un grosso saluto a tutti i lettori di metallo italiano, tra le prime webzine che parlano di metal italiano da un sacco di anni, yeah! Si è passato tanto tempo dall’uscita di HEADSHAKER, era il 2003 circa… 5 anni sono passati e sono serviti per andare a suonare ovunque ci fosse un palco, ovunque ci fosse un bar, ovunque ci fosse un metallaro cazzo! Ci siamo troppo divertiti e abbiamo vissuto così intensamente la strada, la figa ed il metallo che finalmente siamo riusciti a tornare in studio per registrare il nuovo disco, bhe, meglio tardi che mai, no? &#61514;

    - Ci volete presentare la nuova formazione?

    (AMOS) Siamo sempre io alla chitarra, Gino al basso dal 1984 e Mario alla batteria dal 1992 circa… poi da quest’anno alla voce abbiamo Francesco “IL BIONDO” Grandi, da molti già paragonato a BRUCE DICKINSON e DAVID LEE ROTH!!!! Ed alla chitarra solista Marco “THE MASTER” Rizzi, il primo vero solista nella storia di questa band &#61514; fino adesso ci siamo un po’ dovuti arrangiare ahahah, ma adesso Rizzi è riuscito a dare qualcosa di veramente giusto alle parti di chitarra solista, una cosa che davvero ci è sempre un po’ mancata. Sono entrambi ragazzi di Bologna come noi del resto e questo rende sempre le cose più facili ed immediate… al solito tortellini e.. &#61514;???

    - “Dad Is Dead” porta con se anche qualche novità a livello di sound. Oltre ad una sottile vena stradaiola, mostra in qualche frangente, una inedita faccia melodica come in “Rain Are Us” e in “The Reason”. Merito della nuova formazione o cos’altro?


    (AMOS) Si anche, ma in particolare merito di una speciale attenzione per la melodia che abbiamo usato in fase di songwrinting, volevamo scrivere delle canzoni “belle” a prescindere, che ci piacessero fino in fondo che ci convincessero in tutto e per tutto, ci abbiamo investito il tempo necessario ma alla fine il risultato è più che appagante, siamo molto soddisfatti delle nuove canzoni contenute in questo CD e chi lo sta recensendo è del nostro parere ;-) yeah siamo troppo carichi!

    - Come è nato il processo di songwriting del nuovo album e come si è sviluppato? Da dove traete ispirazione per comporre?

    (AMOS) …di solito dalla birra e dalla figa, che in Fossa (la ns sala prove) non mancano mai ahahah &#61514; Diciamo che come scrivevo sopra ci abbiamo messo tutto in questo disco, tutto quello che avevamo, l’esperienza di ritorno da un sacco di date, la coesione che cmq abbiamo sempre avuto tra di noi, la voglia di fare anche qualcosa di un po’ diverso, che potesse davvero piacere a noi in primis e dopo anche a tutti gli altri!

    - I primi riscontri sono stati entusiasmanti. A conti fatti, quali sono le vostre prime impressioni? Cambiereste qualcosa di “Dad Is Dead”?

    (AMOS) …cambierei che avrei voluto farlo uscire un po’ prima ma va bene così, finalmente abbiamo con noi la casa discografica giusta che è distribuita ovunque e ci fa un sacco di pubblicità, altra cosa che i RAIN non hanno mai avuto nella loro storia, quindi va bene così.


    - Racchiude qualche significato particolare il titolo “Dad Is Dead”?

    (AMOS) no, nessun significato “particolare” suona bene in inglese, è facile da ricordare ed è anche un titolo un po’ mistico, apre la mente all’immaginazione ed alla suggestione, trovo che sia un titolo molto pregno ;) e poi l’ironia la fa molto da padrona da sempre nei RAIN…

    - Nell’album è presente anche una grande versione di “Rain”, cover dei The Cult, con due ospiti di eccezione quali Steve Sylvester e Freddy Delirio dei Death SS. Da dove è nata l’idea e come è stata questa esperienza? Immagino avrete qualche aneddoto da raccontarci.

    (AMOS) Grazie Sergio, sei sempre molto gentile grazie davvero… sono molto contento che ti sia piaciuta questa cosa, non avevamo mai registrato una cover in un ns disco e abbiamo fatto anche questo stavolta ahahah e ci siamo divertiti un casino, STEVE è un grande, si è innamorato subito del ns progetto e ha cantato da DIO!!! È una persona squisita e soprattutto un grande artista e si sente tutto! Yeah! Eravamo a suonare con loro ad un grosso festival giù a Caserta la scorsa estate (S-HAMMER FEST) quando il ns agente il BENNY la butta li e dice ma perché non fate RAIN dei THE CULT?? Mah subito rimaniamo un po’ così poi ne parlo con STEVE al quale il pezzo è sempre piaciuto ed allora belli carichi abbiamo provato a registrala e veniva proprio bene così l’abbiamo messa nel disco, yeah!

    - La vostra label Aural Music è un’etichetta atipica per il vostro genere essendo orientata maggiormente verso il genere estremo. Quali vantaggi vi offre e come vi trovate?

    (AMOS) come dicevo sopra ci supporta alla grande con la pubblicità e la promozione, poi è distribuita bene ovunque da grandi professionisti (AUDIOGLOBE – ITALIA, SPV – GERMANIA, FIREBOX – FINLANDIA), non la cambierei mai con nessuno, poi è a soli 15km da casa mia e ci troviamo spesso con i ragazzi di AURAL per mangiare, bere e dire grandi cazzate, cosa c’è di più bello???.......uhm, si forse una cosa c’è.. LA FIGA&#61514; ahaha!!!

    - Avete già dato il via alla vostra massiccia attività live e siete reduci da un recente mini tour in terra finlandese. Come è andata e quali differenze avete riscontrato a livello di strutture organizzative e a livello di pubblico rispetto all’Italia?

    (IL BIONDO) sebbene non fosse il miglior periodo dell’anno per andarci (c’era mezzo metro di neve), in termini di affluenza di pubblico è stata un’esperienza indimenticabile, innanzitutto è incredibile la rapidità e la professionalità in generale dei tecnici a nostra disposizione, a livello di pubblico la differenza sostanziale è che loro masticano molto più rock ‘n’ roll, in ogni locale ed in molto più svariate situazioni. Di conseguenza il feedback che trasmettono al rocker on stage è proprio sincero e terribilmente appagante…ovviamente senza nulla togliere alla nostra meravigliosa crew!!!! AHAHAH!!

    - Avete ormai un grosso fan club, la RAIN CREW, che conta un consistente numero di iscritti in tutta Italia in costante aumento. Diverse sono le vostre iniziative e la più bella credo sia quella del raduno annuale dove il divertimento è davvero assicurato. Poche sono le band che possono contare su un seguito organizzato in maniera così scrupolosa e professionale. Descrivete in cosa consiste questa simpatica “ciurma” che voi chiamate “la nostra gente” (e a cui avete dedicato uno dei vostri cavalli di battaglia “Only For The Rain Crew”).


    (AMOS) si è troppo vero, tutti ci invidiano la nostra crew e il ns fans club. Ci divertiamo sempre troppo insieme, non so perché ma è così, siamo inarrestabili, ad ogni concerto si unisce sempre più gente, le 2 RAINCREW CONVENTIONS sono andate benissimo, ma a proposito le avete viste le foto di MISS RAINCREW sul ns sito? Yeah: www.raincrew.com dateci un occhio&#61514; e capirete perché i RAIN hanno del seguito ahahah &#61514; Un merito particolare va tributato a Cristian “ISE” Iseppato che coordina il fans club e tutte le iniziative collegate come merchandising e bazze varie, senza di lui la RAINCREW non esisterebbe, grazie ISE, grazie EDO, grazie a tutti i ns amici che ci danno sempre una mano per tornare a casa a testa alta. Siamo più che fratelli, yeah!

    -Quando avremo il piacere di vedere sugli scaffali un dvd dei Rain?

    (AMOS) bella storia, io a casa mia già ne ho uno che mi ha fatto un amico di Trento, lo conosci?? Ahahah yeah! Si per la verità stiamo registrando proprio in questi mesi 3 video nuovi per finire il DVD antologico in cui viene riportata un po’ tutta la storia degli ultimi anni di vita dei RAIN, direi che adesso dobbiamo ancora decidere con l’etichetta ma di per certo entro fine anno lo daremo alle stampe.

    - Durante la vostra lunga esperienza “on the road” avete avuto la possibilità e l’onore di condividere il palco con molti artisti di fama internazionale. Con chi vi siete trovati meglio a livello professionale e umano?

    (AMOS) a livello umano, degli stranieri, direi PAUL DIANNO un mito in tutto, cazzo si beve ogni sera una boccia di Josè Quervo ed è troppo carico e da balotta come noi. Poi per me è una cosa particolare anche perché gli IRON MAIDEN da bambino erano la mia band del cuore e conoscere il primo cantante dei miei miti è stato bellissimo!!

    - Rispetto agli anni ’80 la scena è decisamente cambiata, merito di internet e delle moderne tecnologie a disposizione. Secondo voi cosa manca ancora alle band italiane per fare il salto di qualità?

    (IL BIONDO) La giusta mentalità di un pubblico (a livello di massa) che sappia ascoltare musica, che non si soffermi solo ed esclusivamente all’ascolto del motivo d’impatto, così che le qualità all’ ascolto di un brano, o di un disco, o di un concerto, abbiano modo di essere più facilmente apprezzate. Questo manca… Abbiamo potuto toccare con mano il differente atteggiamento del pubblico finlandese ad esempio, basta solo farsi un giro in un qualsiasi music store di Helsinki, e notare che la pubblicità del disco della Spears non ha un posto di rilievo in uno scaffale quanto l’ultimo disco dei Mechouga ad esempio…E questo in Italia non può ancora verificarsi.

    - Quali consigli volete dare alle giovani band intenzionate a fare le cose serie?

    (AMOS) posso solo dire di non smettere mai di volersi bene e di fare musica divertendosi e per passare del tempo insieme a fare la cosa che piace a tutti… essere troppo seri non paga e rompe le palle e si finisce in depressione. Penso che ci voglia del culo, e le palle per andare avanti sempre ma se non ti diverti poi diventi pazzo e questo non va bene. Nella vita le cose importanti sono altre, su tutte la salute e la famiglia, non dimentichiamolo mai.

    -Webzines e carta stampata. Se con le prime si può avere tutto in tempo reale, il fascino di avere tra le mani una rivista ufficiale resta per me insostituibile. Qual è la vostra opinione in merito?

    (IL BIONDO) Sono sicuramente del tuo stesso parere in quanto ho sempre letto riviste musicali o biografie dei miei mostri sacri, su supporti cartacei prima del boom della rete in larga scala, ed avrei timore nell’ascoltare la risposta di un sedicenne alla stessa domanda che mi stai facendo tu ora!!!! Eh eh eh!! Cmq ho buoni motivi per non essere poi così pessimista, intendo dire: ho 25 anni ed appartengo ad una generazione in cui il supporto musicale prediletto è il cd, ebbene attorno a me vedo parecchi miei coetanei, amatori del rock ‘n’ roll che adorano il suono del vinile più di qualsiasi altro supporto audio, non solo per un fatto di ascolto ma anche per un discorso di bellezza del supporto fine a se stessa…Un vinile è più carico a livello emozionale di un cd. Ha più fascino…allo stesso modo leggere una rivista dà un calore molto maggiore rispetto a quello di un click e di un’immagine su un monitor.

    - Dateci una definizione di heavy metal.

    (IL BIONDO) E’ il frutto della mutazione da un evoluto hard rock classico fine 70’s (Rainbow, Deep Purple, Whitesnake…), suonato in una chiave più moderna, con l’arrivo di sconvolgenti innovazioni tecnologiche su suoni e su tecniche strumentistiche, sopratutto quelle in campo chitarristico (shreed).

    (AMOS) per me HM=figa più rock ‘n’ roll!:headbang:

    - Diteci il disco che ha cambiato la vostra vita?

    (IL BIONDO) Let it bleed Rolling degli Stones.

    (AMOS) The Razor’s Edge, AC-DC.

    -A voi la chiusura dell’intervista. Cosa volete dire ai lettori di Metallo Italiano?

    (AMOS) Vorrei salutare tutti i lettori, ringraziare davvero tanto questa webzine che ha sempre supportato fino dall’inizio i RAIN, sempre e comunque grazie a voi, vi voglio vedere sempre più spesso in giro per concerti a fare casino cazzo, il metallo è sulle strade non è solo dietro a un PC.

    Bella Sergio grazie, come sempre, sei il NUMERO 1
    Un grosso ringraziamento per la vostra disponibilità e simpatia da parte di tutta la redazione ed un arrivederci sotto al palco ad un vostro concerto.

    Intervista a cura di Sergio Nardelli
     

Share This Page

  • About Us

    Our music community has been around for almost 15 years and we pride ourselves on offering great metal music discussion, as well as music production and other closely related topics. We work hard every day to make sure our community is one of the best. Enjoy!
  • Like us on Facebook

  • Donate ♥

    We have worked hard for 15 years (and running) to make sure our Metal community is running fast, uses the best software, and isn't overloaded with advertising. If you love the forum as much as we love bringing it to you, please show your support with a generous donation. We really appreciate it!