This site is supported by the advertisements on it, please disable your AdBlocker so we can continue to provide you with the quality content you expect.

Welcome to Our Community

Wanting to join the rest of our members? Feel free to sign up today.

STIELAS STORHETT "Expulse" - Reviews

Discussion in 'code666' started by Emi, Aug 24, 2011.

  1. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
  2. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://neckbreaker.de/cd-reviews/4558-stielas-storhett-expulse
    Musik, die den Hörer auf subtile Art und Weise fertig macht und ihn gleichzeitig wieder aus der Scheiße zieht, in die sie ihn gebracht hat, ist selten. Speziell wenn die Musik durchweg eine Gratwanderung aus emotionalen und rabiaten Tönen ist.
    STIELAS STORHETT gehört wohl zu einer der talentiertesten Bands auf diesem Gebiet. Auf „Expulse“, dem zweiten Werk dieses russischen Hoffnungsträgers, werden mit hochwertigen Klängen keine Gefangenen gemacht.

    Zu Beginn des Albums wird zunächst der Eindruck vermittelt, dass man es hier mit einem ausgezeichnetem Depri-Black Metal zu tun hat, doch erweist sich dieser Eindruck recht zügig als falsch. Denn ebenso wie emotionale Passagen finden bei STIELAS STORHETT auch progressive Ansätze ebenso wie virtuose Soli und verträumte Post Rock Passagen statt, die es alle in sich haben.
    Das Zusammenspiel aus weichen, ebenso bedrückenden wie monotonen Gitarrenläufen und einem Gesang der emotionaler gar nicht sein kann, ist einfach nur großartig. Doch münden derartige Passagen immer durch einen gewagten, aber nicht unpassenden, Rhythmuswechsel in ganz andere Sphären, die man davor nicht für möglich gehalten hätte. Tatsächlich aber zeigt STIELAS STORHETT, dass komplexe Gitarrensoli sehr wohl in eintönigen Arrangements Platz finden, ebenso wie entspannende, ruhige, einfach nur schöne Klänge inmitten brachialer, hasserfüllter Black Metal Passagen.
    Speziell die Produktion und das spielerische Können des Russen machen „Expulse“ zu einem Hörvergnügen der Extraklasse. Viel zu selten gibt es derartig homogener Black Metal, der so vielseitig und facettenreich ist. Dabei wird zu keiner Zeit die Atmosphäre verfälscht oder der Kreischgesang durch Klargesang ersetzt, wodurch sich diese Band von anderen Szenegrößen dieser Sparte deutlich abheben kann.
    Speziell Fans von Musik, die AGALLOCH, ALCES, MOROWE, ANAEON und partiell auch das Jazzige von CARPATHIAN FOREST vereint, werden hier ihre Freude haben. Ebenso dürften alle Leute, denen der „normale“ Black Metal einfach nicht innovativ genug ist, die aber dennoch nicht auf finstere Atmosphären verzichten wollen, hier ihren Spaß haben. Mir gefällt „Expulse“ sehr gut, und ich hoffe, dieses Album wird nicht das Letzte sein, dass uns STIELAS STORHETT bescheren. (Jannick)
     
  3. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.evilized.de/2010/rezensionen/stielas-storhett-expulse

    Jede halbwegs ernst zu nehmende Gruppierung strebt eine, wenn auch mitunter nur geringfügige Qualitätssteigerung von Release zu Release an. Vielen Künstlern gelingt es nach viel versprechenden Erstlingen jedoch nicht, die eigene Vergangenheit in den Schatten zu stellen.

    Das Material der MCD „SKD“ gibt hierbei grob die Richtung vor

    Nicht so bei STIELAS STORHETT. „Damien T.G.“ überspringt obige Hürde bei jeder neuen Veröffentlichung scheinbar spielend. Das neueste Werk des Russen, welches schlicht „EXPULSE“ betitelt wurde, demonstriert die Stärken des Kreativkopfes abermals eindrucksvoll. Das Material der MCD „SKD“ gibt hierbei grob die Richtung vor. „EXPULSE“ glänzt durch omnipräsente, stets eigenständige und fabelhaft intonierte Leadarbeit, die sich als roter Faden über die Gesamte Spielzeit erstreckt. Hierbei ist besonders die Eigenständigkeit STIELAS STORHETTs hervorzuheben. Die verwendeten Linien bewegen sich fern abwärts von gängigen Standards und fräsen sich ohne Vorwarnung in den Gehörgängen fest. Unterstützung findet die federführende Gitarre durch präzise Rhythmusarbeit seitens Schlagzeugs und Bass. Die sieben Kompositionen bewegen sich vorwiegend im Midtempo, brechen selten dafür aber umso heftiger aus. Das Wechselspiel aus Melancholie, Raserei und verträumten Schweben zündet durchwegs und wird gegen Ende der Scheibe durch schwarzmetalluntypische Blechbläser in neue Bahnen geleitet.

    „EXPULSE“ – Selbst nach der verdammt starken Kurzrille „SKD“ gelingt „Damien T.G“ nochmals eine Steigerung. Das zweite Vollalbum des Russen steht ohne Zweifel an der Spitze der diesjährigen Schwarzmetall-Veröffentlichungen. Eine Ablösung kann hier höchstens durch FARSOTs „Insects“ erfolgen. Pflichtprogramm!
     
  4. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.metalteamuk.net/sep11reviews/cdreviews-stielas.htm

    I have to admit that apart from Old Wainds and the odd track here and there, my acquaintance with Russian black metal is minimal, so I have no real sense of scene or sound if any, nor have I come across any of Stielas Storhett's earlier works. This is their fourth release, and second full length and the only photo I saw of sole member Damien T.G. looked pretty orthodox, but first track here ' Dying Delerium' kinda kicked that notion in the head and left it twitching. This opener is an interesting mix of thoughtful, depressive Black Metal wrapped up in itself with some nicely pitched snarls and tortured cries in the vocals that pull you this way and that. With a fair Katatonia influence in the angular, discordant melody which twists the riff it pushes aside my preconceptions and reveals some serious musical boundary walking.

    As the album progresses we also discover a heavy touch of Opeth in the more restrained passages of 'All Paths Lead To Oblivion' and the instrumental 'Hush-A-Bye'. These are nicely done, true, but somehow they lose the pacing in the end, a drop in the energy not exactly taken up by the atmosphere. Nothing major, just a blip. 'Two Lifeless Months' rescues it in no uncertain terms; it is a dark and twisted affair that pulls together all the aforementioned influences into it's own weave that kicks up the pace, aggression and a very contemporary sense of wrongness seeps into the brickwork. None of 'Expulse' is of the cliched dark woods exactly (says me with no lyrics to hand), but this is a real nasty bit of almost urban insanity and tortured soul screaming. Add in a saxophone with that perfect haunting, stalking wail and you have an excellent whirl of black metal bristling with brooding and ideas without losing focus. 'Expulse' and 'Angel Of Death' continue this intense furrow, twists of Ulver like musicality and Slagmaur off balance attack creating an excellent, disturbed space awash with smooth transitions from throat ripping violence to post Brave Murder Day sombre reflection.

    I have no idea of the language used; titles are in English but the few hushed, unsettling whispers are most definitely not. But such is the articulate nature on display here feeling is intensely conveyed through the music and the titles alone to lead me into a weird, dark headspace that has a very disturbed glower in its eye.

    I am both surprised and impressed; this is a fine album and particularly when the pace gathers and the teeth are bared it leaves a lasting impression of dark places when the human brain cracks and lets the darkness in. There is early on perhaps a touch more Brave Murder Day era Katatonia than needed but Stielas Storhett's personality pushes through and I'm left curiously unnerved and unsettled. Which I guess is the aim.

    Seriously, I'd recommend checking this adventurous project out. Impressive.

    http://www.myspace.com/stielasstorhettofficial

    Gizmo
     
  5. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://metalitalia.com/album/stielas-storhett-expulse/
    Come alcuni mesi fa con i Folge Dem Wind e la loro ultima opera, ora la Code666 lancia gli Stielas Storhett. Diversi gli elementi comuni tra queste due band, entrambe alla ricerca di una sperimentazione che possa rimescolare le carte e sbiadire i contorni di genere tra black metal, dark e avantgarde. Siamo al cospetto di una one man band proveniente dalla Russia, evidentemente partita come realtà prettamente black, ma successivamente avvicinatasi a sonorità un po’ più soft ed emozionali. Con “Expulse”, gli Stielas Storhett pare infatti siano stati a lezione da Shining e primi Katatonia, dai quali hanno mutuato un interesse per arie inquiete e ritmiche ragionate. Copiosi interventi di chitarra pulita e un paio di esperimenti con il sax, che mettono ulteriormente in risalto certe aperture atmosferiche, allargano la gamma di contenuti di quello che è il secondo full-length del gruppo. Si sente persino un pizzico dei Novembre più aridi e spigolosi in alcuni passaggi, sintomo dell’apparente desiderio degli Stielas Storhett di aprirsi senza indugi a sonorità extra-black metal quando il brano chiama una soluzione ariosa. Lascia un po’ perplessi la produzione del disco, il quale forse avrebbe potuto trarre maggior profitto da dei suoni più caldi, tuttavia, a fine ascolto, rimane l’impressione di aver conosciuto una band dalle idee piuttosto chiare, peraltro dotata di buon estro in fase compositiva. Chi segue da vicino i nomi citati sarà capace di masticare facilmente e apprezzare questo sound sofferente.
    7/10
     
  6. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://www.metallus.it/recensioni/expulse/
    Stielas Storhett è un nome ancora poco noto, nel panorama post-black metal, e corrisponde a una one-man band russa, originaria di Murmansk, città del circolo polare artico, dove le notti sono davvero infinite, e il freddo un compagno quasi costante.

    Damien T.G, mastermind dietro al progetto, ha certamente subito l’influenza di queste caratteristiche ambientali, che effettivamente permeano e incidono il sound di questo secondo full-length “Expulse”. Vi si trovano sette brani intensi, drammatici, devoti al gelido spirito tradizionale del black, ma dotati di una intelligenza ritmica e melodica non comune, che dona al disco una freschezza e u8na varietà per nulla scontate, soprattutto in un lavoro dallo stampo ancora underground.

    L’inquietante opener “Dying Delirium” accoglie l’ascoltatore in un mondo gelido e notturno, che la seguente “Buried by Storm and Eternal Darkness” descrive ancor più dettagliatamente, attraverso partiture di chitarra semplici ma dannatamente efficaci.

    L’originalità della scrittura di Stielas Storhett emerge con definitiva chiarezza nel trittico seguente, composto da una “All Paths Lead to Oblivion” con efficaci poliritmi, il malinconico intermezzo strumentale “Hush-a-bye” e l’articolata “Two Lifeless Months”.

    Il progetto di Damien T.G. echeggia, per certi versi, i Lifelover meno teatrali, ma soprattutto gli Shining di metà carriera, quelli non ancora afflitti dalle manie da rockstar di Kvarforth, ma abili nel miscelare umori di vario colore, così come suggestioni musicali anche lontane dal metal estremo, fra cui il notturno sax (in realtà sdoganato nel metal estremo sin dai tempi dei Naked City di John Zorn).

    “Expulse” è quindi un opera che (a parte forse l’interlocutoria copertina, molto demo tape) stupisce per l’alto livello di concentrazione e accuratezza, lontana anni luce dalle auto-commiserazioni in musica di tante (troppe) one-man band depressive black, ma anzi dannatamente vigile e sveglia, ben suonata e ben registrata, pur non perdendo un grammo della sua natia oscura asperità underground black.

    Stielas Storhett, un’ottima sorpresa, promossa dalla nostrana Code666, che, dalle rive del glaciale mare di Barents, getta il suo sguardo sull’inquietante oscurità che è fuori e dentro di noi.
     
  7. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://alternativematter.net/reviews/stielas-storhett-expulse
    Coming from Russia, Stielas Storhett have recently brought out their second album. Damien T.G., who is the mastermind behind this one-man-band may have lost his long hair and his corpse paint but not his feeling for frostbitten black metal ( I actually reaaaally like his new look). With his second full length album it has become clear to me that this fine gentleman has mastered the art of black metal and was able to push the boundaries.
    From the very beginning this album grabbed my attention. The first song ‘Dying Delirium’ starts off with a woman screaming like she is in excruciating pain. and didn’t let go until the last song. It sets the standard for the rest of the album: being able to put raw emotions into songs. The guitars have a strong, very demanding sound, that gives the album a distinctive sound. Sometimes the vocals get a bit lost in those guitars, but this is not bothersome at all.
    When you hear the song ‘Expulse’ you might be surprised to hear a saxophone. Who would’ve thought that? It sounds a bit funny the first time you hear it, but it actually goes very well with the rest of the song. ‘Buried by Storms and Eternal Darkness’ is one of my favourite songs on the album. Easy going guitar solos and raging riffs alternate throughout this song. It’s really catchy too.
    Downside of this album is that it definitely has to grow on you. The more I listen to it, the better it becomes. So if you don’t like it right away, try again!
    The thought of Damien T.G. doing this all by himself startles me, something so tight, so well structured created by one person? Respect.
    Stielas Storhett succeeds in releasing an album that has depth and a cold, dark atmosphere, lovers of black metal will most likely enjoy this. I totally enjoyed it and I hope you do too!
     
  8. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.metallized.it/recensione.php?id=5888

    88/100

    Spesso davanti a progetti one-man band ci aspettiamo, quasi a disagio, di ascoltare musica registrata al di sotto di uno standard sufficiente, impegnata in volute acrobatiche aventi come tema natura e filosofia e un complesso di intuizioni rigorosamente fini a se stesse. Non è decisamente l’etichetta da appiccicare su Expulse, seconda fatica dell’intraprendente Damien T.G., unico membro dei Stielas Storhett, ensemble proveniente dalla fredda Russia.
    Rifuggendo un’impronta superficiale, che vorrebbe ogni plot immediatamente comprensibile –magari trascinato da uno o due episodi dichiaratamente “commerciali”- oppure da trovate ridicole (specchietto per leggere i testi al contrario, formule arcane in latino), si staglia in quell’affascinante terra di mezzo fra il black metal di scuola classica e la ricerca avanguardistica.
    Nelle sette tracce proposte, si evince un’eccellente preparazione tecnica e maturità compositiva, quest’ultima retta dal binomio chitarra-batteria, i due strumenti maggiormente protagonisti del disco. Se la prima rimane comunque saldamente vincolata a partiture affatto originali, scegliendo di staccarsene unicamente quando desidera porre un sigillo indelebile (leggi parte solistica condita da sweep picking!), l’altra prorompe in giri ispirati e mai uguali uno all’altro. La ripetizione ossessiva a là Filosofem sembra qualcosa di antico e superato.
    Uno scream di donna, probabilmente torturata dà il la all’opera, ben introdotta dalla convincente Dying Delirium, dove si può apprezzare la versatilità di Damien, impegnato oltre che sul versante elettrico, anche, con ottimi riscontri, su quello acustico, il quale regala un arpeggio dissonante di pregevole fattura. Non mancano, rivolto ai puristi, momenti concitati, interpretati da riff oscuri, intelligentemente variati.
    Buried by Storm and Eternal Darkness offre invece una prova dell’abilità solistica del Nostro, che, successivamente ad un inserto acustico, si profonde in un assolo intenso, incentrato sulle emozioni più che (nonostante sia di spicco) sulla tecnica fine a se stessa. Da sottolineare la sezione ritmica: mai fuori contesto.
    Segue la stupenda All Path Le to Oblivion, equilibrio fra ferinità e riflessione: nella traccia si alternano recitati in clean vocal, tirate con uno scream disperato come attore principale, aperture che strizzano l’occhio al jazz, lead guitars lente ma “sul pezzo”. Damien si dimostra ancora una volta in grado di padroneggiare senza dare l’impressione di forzato, o plastico, le varie influenze musicali che coesistono in lui.
    Notevolissima la strumentale Hush a Bye, che potrebbe inserirsi in un contesto alieno al black metal, proprio per la natura camaleontica. Nei tre minuti si snodano accelerazioni, passione, accordi di settima. Un modo per permettere all’ascoltatore di prendere una pausa atta a ragionare, ad incamerare quanto appena proposto.
    Two Lifeless Months è, invece, l’episodio che convince di meno. Sostanzialmente simile alle precedenti, mostra solo un interesse spiccato per la melodia: cosa sinceramente inusuale nel campo depressive\black. Le sei corde si rincorrono imperterrite durante gli interminabili sei minuti abbondanti, differenziandosi oltremodo: avremmo amato di più una distinzione meno netta fra quella alla quale sono affidate le parti prettamente ritmiche, quindi pesante, distorta, e la sua sorella impegnata nei percorsi solisti, che avrebbe potuto essere amalgamata in maniera migliore.
    Ed ecco a voi il capolavoro: la title-track. Un sassofono da club jazzistico (ci ricorda i cari Solefald) intesse un tappeto mistico e seducente, conducendo per mano il viandante verso le sfaccettature della musica del russo. Attraverso un mood via via più oscuro, ci illustra la parte metafisica del black, in tensione fra negazione dell’armonia e ricerca di luce, di ossigeno. Queste sono le intense sensazioni comunicate dal migliore assolo dell’intero plot. Bending a creare atmosfera, armonici, note lasciate vibrare che si spargono nell’aria.
    Manca, infine, l’ultima titanica traccia: Angel of Death. Nove minuti abbondanti di creatività assoggettata ad uno spartito musicale. Risulta ad ogni modo pesante da scollinare. Non tanto a causa dell’eventuale noia (non si discosta assai dalle altre), ma proprio perché insiste sulle peculiarità del progetto, cercando forsennatamente di consegnare al fruitore una summa quanto maggiormente completa possibile. Detto ciò, nulla impedisce di inchinarsi ancora dinnanzi all’innata dote di Damien: quella di farci viaggiare al di là dei limiti imposti dallo sterile canovaccio classico. Di grande effetto i recitati, il basso che silenzioso di ritaglia in punta di piedi uno spazio significativo, i fiati perennemente in evidenza, come a significare che sì, è fondamentale una certa dose di old school, ma che allo stesso tempo, difettare di ricerca melodica e di cura nelle progressioni può risultare un errore madornale. Terminata con un mid-tempo, dialogo fra sassofono e chitarra arpeggiata, riponiamo un album che porterà necessariamente a discutere. Disco dell’anno oppure lontano dalla classicità e di conseguenza penalizzato?
    Io propendo, nella mia umile visione, per la prima scelta. Rare volte si incontra un talento puro: lo si evince dalle piccolezze, dalla produzione estremamente curata, dal guitar working non scontato e banale.
    A comporre un platter dedicato al grezzo diamante ci si mette, e siamo realisti, veramente poco: ronzii a coprire gli errori, tastierine con precaricato l’effetto “rumori del bosco nordico”, drum machine o batteria reale che riproduce all’infinito lo stesso giro. Senza contare gli innumerevoli esempi da cui trarre ispirazioni oppure copiare spudoratamente. Perciò giudico Expulse un attendibile candidato al premio. Variazioni, frasi suonate con cognizione di causa. Unica pecca le liriche in russo, che sottraggono fluidità. Fossero state perlomeno nella lingua d’Albione, avremmo potuto capire il significato dei numerosi recitati.
    In conclusione, procuratevelo. Non importa come, ma procuratevelo e custoditelo gelosamente. Non capita ogni mese di avere a che fare con un prodotto a tal punto valido. E se avete tempo, date un orecchio anche ai precedenti lavori del giovane russo, più canonici. Non resterete delusi.
     
  9. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://www.queensofsteel.com/2011/09/steilas-storhett-expulse/
    9/10
    El segundo larga duración del proyecto llamado STIELAS STORHETT multi instrumentalista ruso Damien T.G acaba de salir al mercado con el nombre de “Expulse” y una portada cuanto menos llamativa.
    El Black Metal que se nos presenta en este “Expulse” es bastante frío aunque con una guitarra que aporta colorido al sonido. Con unos riffs muy variados, que van desde los más melódicos hasta algunos afilados, Damien sabe lo que cada tema necesita en cada momento sin caer en la repetición ni en la más burda linealidad. El sonido de las mismas es claro y bien nítido, que, mezclado con algunas dosis de crudeza, constituyen la rica amalmaga de sonidos que STIELAS STORHETT regala a nuestros oídos.

    Cabe resaltar que cada tema es un mundo y dentro de esos mundos, hay diferentes “continentes” musicales en forma de pasajes unas veces más black metaleros y otras veces más melódicos y tranquilos. En ese aspecto, la atmósfera es importante dentro de cada una de las sietes canciones de “Expulse”, creando ese halo oscuro y misterioso tan desarrollado en la escena black metalera.
    La voz es mayormente rasgada, aunque también hay sitio para los gritos más exacerbados. Por su parte, el bajo es sólido y la batería es otro elemento que refleja la elegancia y el buen hacer de este disco.
    “Expulse” es un trabajo que recomendaría sin dudarlo a todo buen seguidor de Metal extremo que se precie, ya que en él encontrará unas canciones muy creativas y ricas en influencias, que harán que despertar tu curiosidad musical nada más darle al play.
     
  10. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://aristocraziawebzine.blogspot.com/2011/09/stielas-storhett-expulse.html

    tielas Storhett è una one man band russa che in questo 2011 pubblica il secondo full "Expulse" a cinque anni di distanza dal debutto "Vandrer..." e dopo un ep e uno split. Non ho purtroppo avuto la possibilità di conoscere l'evoluzione del progetto dai suoi esordi, con questo lavoro si nota comunque una certa maturità nel songwriting: il modo in cui il Black Metal più freddo e gelido viene intriso del calore dei passaggi Jazz è senza dubbio efficace, un contrasto che riesce ad ammaliare l'ascoltatore.
    Il disco si apre con urla femminili, la cosa non stupisce più di tanto dato il soggetto dell'artwork ma introduce degnamente l'opener "Dying Delirium"; con questo brano Damien, mente del progetto, mette subito in chiaro la proposta mostrandone le influenze principali citate sopra; sono presenti inoltre anche influssi rockeggianti, la chitarra solista nella successiva "Buried By Storm And Eternal Darkness" ne è un esempio, come anche un certo feeling Prog qua e là. Elementi quali chitarre acustiche o il sassofono della titletrack e della conclusiva "Angel Of Death" arricchiscono il sound ed incrementano la varietà del disco che comunque già di suo risulta fornito di diverse facce, si passa da brani dinamici quali "Two Lifeless Months" (in cui le urla dell'incipit tornano a farsi sentire) ad altri relativamente più tranquilli come "Hush-A-Bye", che tra l'altro si distingue per essere l'unico dalla durata inferiore ai sei minuti. La produzione è adatta alla proposta, abbastanza pulita in modo che ogni strumento riesca ad avere il proprio spazio.
    "Expulse" è un disco che piacerà a chi apprezza il lato più sperimentale del Black, a questa categoria l'ascolto è sicuramente consigliato; non è comunque un'accozzaglia di influenze, per cui anche un semplice amante del genere potrebbe trovare di proprio gradimento l'album.
     
  11. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=3449
    Il progetto Stielas Storhett è composto da un solo membro, ovvero il talentuoso Damien T.G., proveniente dalla fredda Russia. L’album dal titolo “Expulse” ci conduce attraverso atmosfere cupe e profonde. L’intento di Damien T.G. è quello di incrociare la potenza piena di odio e disperazione del black metal a momenti di calma apparente, momenti introspettivi, inquietanti e allo stesso tempo rilassanti. Di solito siamo molto scettici quando capitano cd composti da un solo individuo, ma ci dobbiamo ricredere ascoltando il lavoro di Damien. Nel corso dell’album ci troviamo di fronte a riff molto intensi, non pesanti, o ad arpeggi che vengono seguiti tempestivamente da chitarre distorte, affilate come rasoi, tipiche dello stile black. Questo tipo di “incastro” riesce alla perfezione dando vigore alle tracce che ci vengono proposte (in particolar modo in canzoni come “Buried by Storm and Eternal Darkness”, “All Paths Les to Oblivion”). I testi delle canzoni sono completamente in russo, ma questa non è una cosa negativa, anzi è molto incisiva per l’album: si riesce a raggiungere la giusta dose di aggressività e odio. Il growl/scream di Damien è davvero degno di nota, grazie alla sua voce stridula riesce a farci sentire il freddo della sua madrepatria Russia, mescolando il tutto alla disperazione, data sia dallo stridore delle corde vocali che dalla sua voce pulita e molto calda. Inoltre possiamo anche ascoltare la voce pulita di Damien, Il cd risulta ben riuscito dando una nuova chiave al black metal, trasformandolo in qualcosa di originale che non manca di nulla. Se dovessimo attribuire l’artwork dell’album a qualche canzone sicuramente quelle più adatte sarebbero “Dying Delirium” dove si sente la voce di un bambino appena nato e “Two Lifeless Months” dove si sente la madre che sta per partorire, il tutto condito da grida della stessa. Concludendo l’album di Damien risulta un buon lavoro, degno di nota e originale nel suo stile, in grado di proporci atmosfere cupe, inquietanti e molto riflessive. Per chi si vuole avvicinare gradualmente al black metal, lo consiglio.
     
  12. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://www.hardsounds.it/public/recensione.php?id=7730
    Da uno sguardo veloce alla copertina dell'album viene da pensare subito ad una demo di una band qualsiasi del sottobosco estremo sudamericano. Dopo uno sguardo più attento l'impressione viene confermata, solo che Stielas Storhett è una one-man-band russa che gravita nei pressi del Mare di Barents. Alle prese con un black metal di quarta generazione che potrebbe fregiarsi dell'aggettivo post, 'Expulse' dà la sensazione fin da subito di essere un disco ragionato, ma che vuole di pari passo emozionare e sorprendere. Anche perchè la vena progressiva di Damien la fa da padrona lungo le sette tracce senza mai lasciarsi prendere dalla voglia di strafare. Riffing algido e screaming fanno da controcanto ad atmosfere e melodie che strappano più di un'ispirazione al gothic doom albionico, in più i brani tendono sempre più ad aprirsi invece che ad incupirsi aiutando le proprie strutture a lievitare oltre i consueti canoni stilistici di genere. Magari i suoni non sono il massimo - troppo meccanici - e l'esecuzione ristagna nei limiti che un tuttofare non riesce per forza di cose ad ovviare - perlopiù standardizzati - ma 'Expulse' coinvolge per la sua spiccata vena drammatica, l'incedere avanguardistico, ed un'espressività di fondo che dà forma e sostanza alla sofferenza del mondo.

    L'inquietudine dell'uomo moderno.
     
  13. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    [​IMG]

    good review 4/6
     
  14. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    to Emi:
    in english? can you shoot/scan then publish .jpg of the review?
     
  15. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://allover-ffm-rock.de/joomla/i...&Itemid=91&mosmsg=Danke+f%FCr+deine+Stimme%21
    Nach der "SKD" Ep war ich gespannt, was Damien T.G., der Alleinunterhalter hinter der Band so auf einer vollständigen CD zu bieten hat und ich muss sagen, dass ich von dem Album nicht ganz hin und weg bin.
    Den Anfang macht "Dying Delirium", das für Black Metal einen für mich zu starken Prog Einschlag hat, zwar ist der Gesang und das Riffing keifend und klirrend kalt, aber mit teils akustischen Parts und einsetzendem Gefrickel ist das für Black Metal Jünger zwar o.K., aber nicht umwerfend. Das Geballer gegen Ende des Stückes ist aber dann sauber und brutal ohne Ende. Mit "Buried by Storm and Eternal Darkness" geht es genau so los, zwar kommt der Gesang teuflisch aggressiv rüber, doch die immer noch kalten Riffs sind so verfrickelt gespielt, dass man sich erst mal dran gewöhnen muss, genau wie an dann doch richtig sanften, akustischen Passagen, die zwar irgendwo passen, die Spannung aber vermissen lassen. "All Paths Lead to Oblivion" bringt es auf fast 10 Minuten Spielzeit und dieses Stück könnte man locker als Prog Black mit einem Hang zu Opeth bezeichnen und mit "Hush-a-bye" wird es danach ganz sanft und instrumental. Der eingeschlagene Weg wird mit "Two Lifeless Months" konsequent fortgesetzt, Black Metal mit einer gehörigen Portion Prog an Bord wird hier geboten und da kommt der heftige, rasende Ausbruch gerade recht, um auch mal die Aggression zu pushen, damit es nicht in langweiliges Gedudel verfällt. Der Titeltrack haut einem nicht wirklich um, das hat man im Verlauf des Albums schon reichlich gehört und es werden auch keine Höhepunkte gesetzt, doch dafür kann das finale "Angel Of Death" (kein Slayer Cover) doch noch mal mit ein paar starken Parts punkten.
    Insgesamt gesehen ist das zwar ein guten Black / Prog Album, das seine Stärken hat, aber auch mit einigen Schwächen kämpfen muss, die nicht zu überhören sind.
     
  16. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    in norwegian :cry:
     
  17. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=3449

    Il progetto Stielas Storhett è composto da un solo membro, ovvero il talentuoso Damien T.G., proveniente dalla fredda Russia. L’album dal titolo “Expulse” ci conduce attraverso atmosfere cupe e profonde. L’intento di Damien T.G. è quello di incrociare la potenza piena di odio e disperazione del black metal a momenti di calma apparente, momenti introspettivi, inquietanti e allo stesso tempo rilassanti. Di solito siamo molto scettici quando capitano cd composti da un solo individuo, ma ci dobbiamo ricredere ascoltando il lavoro di Damien. Nel corso dell’album ci troviamo di fronte a riff molto intensi, non pesanti, o ad arpeggi che vengono seguiti tempestivamente da chitarre distorte, affilate come rasoi, tipiche dello stile black. Questo tipo di “incastro” riesce alla perfezione dando vigore alle tracce che ci vengono proposte (in particolar modo in canzoni come “Buried by Storm and Eternal Darkness”, “All Paths Les to Oblivion”). I testi delle canzoni sono completamente in russo, ma questa non è una cosa negativa, anzi è molto incisiva per l’album: si riesce a raggiungere la giusta dose di aggressività e odio. Il growl/scream di Damien è davvero degno di nota, grazie alla sua voce stridula riesce a farci sentire il freddo della sua madrepatria Russia, mescolando il tutto alla disperazione, data sia dallo stridore delle corde vocali che dalla sua voce pulita e molto calda. Inoltre possiamo anche ascoltare la voce pulita di Damien, Il cd risulta ben riuscito dando una nuova chiave al black metal, trasformandolo in qualcosa di originale che non manca di nulla. Se dovessimo attribuire l’artwork dell’album a qualche canzone sicuramente quelle più adatte sarebbero “Dying Delirium” dove si sente la voce di un bambino appena nato e “Two Lifeless Months” dove si sente la madre che sta per partorire, il tutto condito da grida della stessa. Concludendo l’album di Damien risulta un buon lavoro, degno di nota e originale nel suo stile, in grado di proporci atmosfere cupe, inquietanti e molto riflessive. Per chi si vuole avvicinare gradualmente al black metal, lo consiglio.
     
  18. Emi

    Emi underdog

    Joined:
    May 10, 2002
    Messages:
    3,727
    Likes Received:
    5
    Trophy Points:
    38
    Location:
    imola - italy
    http://www.hardsounds.it/public/recensione.php?id=7730

    75/100

    Da uno sguardo veloce alla copertina dell'album viene da pensare subito ad una demo di una band qualsiasi del sottobosco estremo sudamericano. Dopo uno sguardo più attento l'impressione viene confermata, solo che Stielas Storhett è una one-man-band russa che gravita nei pressi del Mare di Barents. Alle prese con un black metal di quarta generazione che potrebbe fregiarsi dell'aggettivo post, 'Expulse' dà la sensazione fin da subito di essere un disco ragionato, ma che vuole di pari passo emozionare e sorprendere. Anche perchè la vena progressiva di Damien la fa da padrona lungo le sette tracce senza mai lasciarsi prendere dalla voglia di strafare. Riffing algido e screaming fanno da controcanto ad atmosfere e melodie che strappano più di un'ispirazione al gothic doom albionico, in più i brani tendono sempre più ad aprirsi invece che ad incupirsi aiutando le proprie strutture a lievitare oltre i consueti canoni stilistici di genere. Magari i suoni non sono il massimo - troppo meccanici - e l'esecuzione ristagna nei limiti che un tuttofare non riesce per forza di cose ad ovviare - perlopiù standardizzati - ma 'Expulse' coinvolge per la sua spiccata vena drammatica, l'incedere avanguardistico, ed un'espressività di fondo che dà forma e sostanza alla sofferenza del mondo.

    L'inquietudine dell'uomo moderno.
     
  19. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    http://battlehelm.com/?p=1302
    I can at times think that for some bands it is just enough to come from some exotic place to get noticed. Never mind how good the music is. Russia is a large country but when it comes to metal still pretty unexplored. Stielas Storhett might be Russian in nature but musically I thought that they’d (him?) owe more to the more avant garde side of the Norwegian black metal scene. Think Ved Buens Ende, latter day Dödheimsgard (DHG) and you’ll get a picture of what I thought this would be all about. I’m also kinda disappointed that Stielas Storhett doesn’t draw more form Russian avant garde composers (whose names I of course have forgotten). I had my mind set on strange atonal compositions, weird chord structures and an instrumentation from hell that would bring forth headaches but this is pretty straight forward black metal. Nothing bad about that. I like a good black metal album. And good this is in all its traditionalism.
    Anders Ekdahl
     
  20. Dmntg

    Dmntg New Metal Member

    Joined:
    Sep 9, 2011
    Messages:
    19
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    1
    (finally, the 1st disappointment)

    http://www.headbang.it/recensione/expulse/10234
    Li preferivo prima gli Stielas Storhett, più dannati e grezzi rispetto a questa nuova dimensione formato "pulizia sonora". La one man band russa guidata da Damien T.G. con Expulse non rilascia di certo un brutto album, anzi il disco si farà apprezzare per le sue doti eclettiche e se vogliamo "inusuali" (doverosa la virgolettatura visto che oramai è quasi impossibile tirare fuori qualcosa di totalmente innovativo) dalla maggioranza di ascoltatori radunati al proprio capezzale. Ma su di me purtroppo non ha esercitato particolare fascino, o meglio lo ascolto con piacere come si riguarda un discreto film già visto tempo prima ma nulla più. Questa dimensione un po mi infastidisce, avevo adorato l'esordio Vandrer e l'ottimo ep SKD, ed ero quindi euforico di poter risentire un full-lenght notevole da parte loro a ben cinque anni di distanza dal debutto, peccato.

    Cerchiamo di lavare via le visioni personali e vediamo di capire meglio come suona questo Expulse. Le chitarre mantengono sonorità vagamente gelide ma la pulizia sonora smorza quell'effetto magico che li caratterizzava totalmente in precedenza. C'è voglia di "essere adulti" e maggiormente accattivanti (ma non ancora sbadatamente commerciali, questo no), le canzoni esplorano un lato melodico soffuso e dai tratti maggiormente heavy, l'esempio più lampante viene offerto subito con l'opener Dying Delirium, un brano in grado di far vedere ottime cose con annessa la pericolosa aggravante di non lasciare proprio niente dietro di se.
    Non cambiano troppo le cose ma migliorano decisamente con la seconda Buried by Storm and Eternal Darkness dove riuscite armonie inquiete e malate si sposano alla meglio con un boschivo screaming lacerante (chi ama la tipica cadenza russa andrà in visibilio per tutto l'album). Il disco va poi avanti a singhiozzo con parti convincenti che vengono puntualmente private poco dopo da quell'entusiasmo essenziale per riuscire a convincere pienamente. All Paths Lead to Oblivion vive nei suoi otto minuti continui saliscendi tra accelerazioni, introspezioni narrative e mezzi tempi dal sapore agrodolce. Sono forse troppi gli inserimenti acustici dal forte sapore Opethiano presenti nella maggior parte delle traccie, o molto più semplicemente mal si sposano con quello che sono gli Stielas Storhett di oggi, a voi l'ardua conclusione. Nelle rimanenti Two Lifeless Months, title track e Angel Of Death le sensazioni rimangono tiepide e in bilico nel solito limbo cercato di descrivere sino ad ora.

    Ne sentirete parlare bene e sono anche sicuro che vi piacerà un bel po, a questo giro mi tolgo dal coro e ascolto il disco senza particolari sussulti rifuggendo dal pericolosissimo effetto noia che fortunatamente si tiene ancora alla larga.
    Mettendomi nei panni del discografico di turno avrei anche io scritturato la band senza fiatare, in seguito però l'amarezza di vedere un risultato cosi "debole"sotto il mio marchio mi avrebbe procurato parecchie notti insonni, l'unica cosa che avrei fatto di diverso sarebbe stato l'evitare di stampare l'attuale copertina, davvero bruttina e per niente in linea con la musica proposta.
    6/10
     

Share This Page

  • About Us

    Our music community has been around for almost 15 years and we pride ourselves on offering great metal music discussion, as well as music production and other closely related topics. We work hard every day to make sure our community is one of the best. Enjoy!
  • Like us on Facebook

  • Donate ♥

    We have worked hard for 15 years (and running) to make sure our Metal community is running fast, uses the best software, and isn't overloaded with advertising. If you love the forum as much as we love bringing it to you, please show your support with a generous donation. We really appreciate it!